Sermoni

Subject 6 : L’eresia

[6-1] (Isaia 28:13-14) Pseudocristiani ed Eretici nel Cristianesimo

(Isaia 28:13-14)
“E sarà per loro la parola del Signore: ‘precetto su precetto, precetto su precetto, norma su norma, norma su norma, un pò qui, un pò là’, perché camminando cadano all’indietro, si producano fratture, siano presi e fatti prigionieri. Perciò ascoltate la parola del Signore, uomini arroganti, signori di questo popolo che sta in Gerusalemme.”
 
 
ERESIA BIBLICA
 
In che modo la Bibbia definisce la parola “eretico?”
La Bibbia definisce eretico uno che ha il peccato nel suo cuore anche se crede in Gesù.

Ci sono molti pseudo-giornalisti oggigiorno, specialmente nei paesi in via di sviluppo. Sono quelli che pretendono di essere giornalisti ma solitamente estorcono denaro dalle loro vittime, minacciando di esporre qualcosa che le loro vittime hanno fatto. Pseudo significa qualcosa che sembra genuino ma non è reale. In altre parole, si riferisce a qualcosa il cui esterno è completamente diverso dall’interno.
Le parole “eretico” e “pseudo” sono utilizzate piuttosto spesso, specialmente nelle chiese cristiane. 
Ma ci sono poche definizioni nette su cosa è un eretico e cosa dev’essere chiamato “pseudo,” e non ci sono molti che insegnano questi concetti in stretta corrispondenza con la Bibbia. 
In queste circostanze, mi sento obbligato a svelare cosa la Bibbia definisce “eresia” e fare un po’ di luce sull’argomento. Voglio anche esporre alcuni esempi di eresia nella vita reale e in tal modo riflettere di ciò insieme a voi. Chi crede in Dio non può non pensare all’eresia almeno una volta nella vita. 
Tito 3:10-11 definisce un eretico una persona faziosa che è fuori strada e peccatrice, essendo condannata da sé. Un eretico è qualcuno che si condanna ad essere peccatore. Pertanto quelli che credono in Gesù ma hanno il peccato nel loro cuore sono eretici davanti a Dio. 
Gesù tolse tutti i peccati attraverso il Suo battesimo. Ma gli eretici rifiutano di credere nel vero vangelo che porta la salvezza ai peccatori e in tal modo si condannano a unirsi alle file dei peccatori.
Tu sei eretico? Noi dobbiamo pensare a questo se vogliamo vivere una vita fedele retta. 
Non ti stai condannando a essere un peccatore anche se credi in Gesù se non hai ancora ascoltato il vangelo dell’acqua e dello Spirito? Se ti consideri un peccatore, allora stai facendo un cattivo servizio a Gesù ignorando la Sua perfetta salvezza e il vangelo dell’acqua e dello Spirito.
Definirsi peccatore davanti a Dio significa ammettere di non essere figlio di Dio. Quelli che confessano a Gesù: “Signore, io sono un peccatore,” devono riconsiderare la loro fede. 
Come puoi credere in Gesù e tuttavia affermare di essere un peccatore quando Gesù tolse tutti i peccati del mondo e ti salvò perfettamente dalla dannazione eterna? Come puoi negare il Suo regalo gratuito di salvezza e definirti peccatore quando Gesù tolse tutti i tuoi peccati attraverso il Suo battesimo e fu giudicato interamente per essi sulla Croce? 
Tali persone sono eretiche perché sono volontariamente peccatrici staccandosi dalla parola di Dio. Tu devi conoscere il vangelo dell’acqua e dello Spirito per evitare di commettere eresia davanti a Dio.
Chi crede in Gesù ma non è rinato è un eretico perché ha ancora il peccato nel suo cuore. 
Poiché Dio tolse tutti i peccati del mondo inclusi i nostri, noi siamo eretici davanti a Dio se ignoriamo questa benedizione della salvezza. Poiché Dio è santo, noi siamo eretici se abbiamo il peccato nei nostri cuori. Se veramente vogliamo diventare giusti, dobbiamo credere nel vangelo del battesimo di Gesù e nel Suo sangue sulla Croce.
 
 
L’ORIGINE DELL’ERESIA NELLA BIBBIA
 
Qual è la qualifica più importante per un sacerdote?
Egli deve essere rinato.

Leggiamo 1 Re 12:25-26. “Geroboamo fortificò Sichem sulle montagne di Efraim e vi pose la residenza. Uscito di lì, fortificò Penuèl. Geroboamo pensò: ‘In questa situazione il regno potrebbe tornare alla casa di Davide.’” Geroboamo era uno dei sudditi di Salomone. Quando Salomone divenne corrotto nei suoi ultimi anni, Geroboamo si ribellò contro il re, e successivamente divenne il re delle dieci tribù d’Israele nel tempo di Roboamo, il figlio di Salomone.
La prima preoccupazione di Geroboamo quando divenne re d’Israele fu che il suo popolo non tornasse a Giuda dove c’era il tempio.
Così, gli venne un’idea per impedire che questo avvenisse. Egli fece due vitelli d’oro a Betel e Dan e comandò al suo popolo di adorarli. 1 Re 12:28 dice: “Consigliatosi, il re preparò due vitelli d’oro.” Uno lo mise a Betel, e l’altro a Dan e disse al suo popolo di adorarli, nonostante il fatto che ciò fosse un terribile peccato. Nominò perfino dei sacerdoti per guidare il culto. 
“Dopo questo fatto, Geroboamo non si convertì dalla sua condotta perversa. Egli continuò a prendere qua e là dal popolo i sacerdoti delle alture e a chiunque lo desiderasse dava l’investitura e quegli diveniva sacerdote delle alture” (1 Re 13:33). Questa è l’origine dell’eresia. 
Anche oggi, gli eretici nominano sacerdote chiunque si offre volontario a compiere l’opera di Dio. Chiunque si laurea da un seminario teologico può diventare un ministro, un evangelista, un missionario e un anziano anche se non è rinato d’acqua e di Spirito.
Come può uno che non è rinato diventare un ministro? Se questa persona è nominata sacerdote, la chiesa che lo elegge diventa una fabbrica per la produzione di eretici. 
Pensiamo ancora all’origine dell’eresia. Primo, Geroboamo sostituì i vitelli d’oro a Dio per mantenere il suo potere politico. Secondo, egli consacrò chiunque si prestasse volontario a diventare sacerdote. In altre parole, egli consacrò sacerdoti persone ordinarie. E la stessa cosa viene fatta in questi giorni. 
La storia dell’eresia continuò ben oltre il tempo di Geroboamo. A quelli che non sono rinati d’acqua e di Spirito non dovrebbe essere mai consentito diventare sacerdoti. 
Può chiunque si laurea soltanto da un seminario teologico diventare un ministro o un evangelista? Va bene che loro servano Dio nonostante il fatto che non siano stati approvati da Dio? No, mai. Solo a quelli che sono stati riconosciuti da Dio dovrebbe essere consentito diventare Suoi servi. Quelli che sono riconosciuti da Dio sono coloro che sono rinati d’acqua e di Spirito. 
È riportato in 1 Re 12:25-26 e 1 Re capitolo13 che il peccato di Geroboamo provocò l’ira di Dio. Noi tutti dobbiamo conoscere questa storia, e se uno non ne è a conoscenza, dovrebbe ritornare alla Bibbia e trovarla. 
Ripensa se stai sostituendo i vitelli d’oro a Dio nel tuo ministero. Per caso, poni enfasi sulle benedizioni terrene perché i tuoi seguaci non possano ritornare al vangelo della rinascita d’acqua e di Spirito? 
Dici ai tuoi seguaci che possono essere curati dalle malattie se credono in Gesù? Dici loro che avranno la benedizione di avere possessi? Nomini quelli che non sono rinati ad essere ministri o membri dello staff della tua chiesa e affermi che il tuo gruppo è l’unico ortodosso? Allora stai commettendo il peccato di Geroboamo davanti a Dio e provocando la Sua ira.
 
 
GLI ERETICI ADORANO UN DIO DI VITELLI D’ORO 
 
Anche oggi, ci sono tanti eretici che adorano i vitelli d’oro. Essi dicono che Dio benedisse Salomone quando offrì mille olocausti a Dio. I Re 3:3-5 dice: “Salomone amava il Signore e nella sua condotta seguiva i principi di Davide suo padre; solamente offriva sacrifici e bruciava incenso sulle alture. Il re andò a Gàbaon per offrirvi sacrifici perché ivi sorgeva la più grande altura: Su quell’altare Salomone offrì mille olocausti. In Gàbaon il Signore apparve a Salomone in sogno durante la notte e gli disse: ‘Chiedimi ciò che io devo concederti.’”
Essi estorcono denaro dai loro seguaci sotto la fraudolenta promessa di “mille olocausti di Salomone.” A quegli sciocchi seguaci viene estorto il denaro. Anche quelli che adorano i vitelli d’oro come loro Dio vengono depredati dei loro soldi, che vengono utilizzati come contributi per costruire enormi edifici ecclesiastici. Non è perché le loro chiese sono troppo piccole, ma perché essi vogliono estorcere denaro dai loro seguaci. 
Innalzare vitelli d’oro per farli adorare dalle loro congreghe era solo una scusa che gli eretici hanno inventato per estorcere denaro da loro. Noi che crediamo in Dio non dobbiamo mai farci prendere in giro. Se offri il tuo denaro nell’adorazione di vitelli d’oro, esso non viene offerto a Dio, ma finisce nelle tasche dei falsi sacerdoti che sono pieni di avidità come Geroboamo. Non si deve mai cadere nelle trappole di tali eretici. 
Allora perché Dio fu contento dei mille olocausti di Salomone? Perché Salomone conosceva i suoi peccati, riconosceva di dover morire per essi e offriva sacrifici secondo la fede. Egli offriva mille olocausti in segno di gratitudine per la salvezza di Dio. Salomone dava mille olocausti ogni giorno, pensando alla redenzione dell’acqua e dello Spirito. 
Ora, bisogna ricordare il vero significato dell’eresia in modo da non essere mai ingannati dai falsi sacerdoti. 
 
 
QUELLI CHE AMMINISTRANO SENZA ESSERE RINATI SONO ERETICI 
 
Cosa dicono gli eretici sulla rinascita?
Essi dicono di essere rinati per via di visioni, sogni, e vari tipi di esperienze spirituali

Ci sono quelli che insegnano ad altri di rinascere quando essi stessi non sono rinati nella fede. Essi sono tutti eretici. Essi dicono agli altri di rinascere quando non sono in grado di rinascere perché non sanno del vangelo dell’acqua e dello Spirito. Possiamo solo ridere. 
I falsi sacerdoti predicano un falso vangelo, distorcendo il vangelo dell’acqua e dello Spirito. Essi dicono alle persone di mondare i loro peccati ogni giorno.
Dicono: “Andate a pregare sulle montagne, cercate di digiunare, dedicatevi all’opera di Dio, pregate all’alba, siate obbedienti, offrite molto denaro per costruire le chiese, ma dovete prendervi cura dei vostri peccati.” 
Una volta, ho sentito uno che testimoniava di essere rinato. Diceva che in un sogno, stava in una fila e quando arrivò il suo turno, Gesù chiamò il suo nome. Egli disse che ciò era la testimonianza della sua rinascita. Ma la sua convinzione è corretta? Gesù non parlò così. 
In Giovanni 3, Egli dice: “Se uno non rinasce d’acqua e di Spirito, non può entrare nel regno del cielo.” Dio dice che solo quelli che sono rinati d’acqua e di Spirito possono diventare veri sacerdoti. Chi crede di essere nato da sogni, fantasie, estasi spirituali, o preghiere di pentimento è un eretico.
In questi giorni molte persone non credono nella parola scritta di Dio e sostengono le loro dottrine nominalistiche invece di rinascere d’acqua e di Spirito. Quelli che rifiutano di predicare il vangelo della rinascita dell’acqua e dello Spirito sono pseudo-cristiani ed eretici. 
 
 
I RIFORMATORI E IL CRISTIANESIMO ESISTENTE 
 
Quando il vero vangelo iniziò ad essere mescolato e distorto daaltre religioni?
Da quando l’imperatore romano Costantino proclamò l’Editto di Milano nel 313 d.C.

Quando si formarono le denominazioni del Cristianesimo? Quando iniziarono le diverse denominazioni come Presbiteriani, Metodisti, Battisti, Luterani, della Santità, e del Vangelo completo? La Riforma avvenne solo circa 500 anni fa. 
I primi cristiani erano quelli che seguirono Gesù mentre era in questo mondo. “Cristiani” significa “quelli che seguono Cristo”. 
I primi cristiani furono gli apostoli e i loro discepoli. Gli apostoli e i Padri della chiesa seguirono il vero vangelo fino al 313 d.C. Ma dopo l’Editto di Milano di Costantino il Grande, cristiani e gentili iniziarono a mescolarsi, il che portò all’Età Oscura che durò per più di 1000 anni. 
Successivamente, all’inizio del XVI secolo, Martin Lutero proclamò la Riforma, dicendo: “Solo i giusti vivranno secondo fede.” Poco dopo, tra 1500 e 1600, riformatori come Giovanni Calvino e John Knox guidarono il movimento via dal Cattolicesimo. Questo fu tutto ciò che la Riforma conseguì.
La Riforma fu semplicemente uno sforzo per stabilire nuove chiese separate dalla chiesa cattolica romana. I riformatori non negavano il Cattolicesimo stesso. 
Il loro scopo non era di promuovere la fede nella rinascita d’acqua e di Spirito, ma di liberarsi dall’oppressione e dalla corruzione della chiesta cattolica romana. La chiesa cattolica romana chiamò questo movimento Protestantesimo. Significava i protestatori.
In quel tempo, la chiesa cattolica romana spingeva la gente a comprare le Indulgenze, dicendo che esse potevano mandare i loro antenati morti al cielo quando compravano Indulgenze con grandi somme. Lutero non si rese conto che il Cattolicesimo era sbagliato. Egli stava solo cercando di far smettere la chiesa cattolica romana cattolico chiesa da vendere Indulgenze per finanziare la costruzione della Chiesa di San Pietro. 
Di conseguenza, possiamo vedere molti resti della Chiesa Cattolica nella moderna Chiesa Protestante: battesimo dei neonati, le preghiere di pentimento che sono simili alla confessione secondo la Chiesa Cattolica Romana, i rituali sacri, il riconoscimento come ministri solo di quelli che si laureano nei seminari teologici, le chiese maestose e grandiose. Tutti questi sono i resti della Chiesa Cattolica Romana.
Contando dalla Riforma nei primi del 1500, la storia del Protestantesimo ha solo circa 500 anni. Quest’anno è il 481° anniversario della Riforma. Forse non vi rendete conto che Martin Lutero protestò contro la sua chiesa madre solo 481 anni fa. Il protestantesimo in tal modo non può fondare l’unica pretesa di legittimità alla luce della sua relativa giovinezza. La riforma del cristianesimo continua. E deve andare avanti continuamente.
Ma c’è una cosa che dobbiamo tenere in mente. Non dobbiamo mai dimenticare che solo quelli che sono rinati d’acqua e di Spirito possono entrare nel regno del cielo. E dobbiamo predicare questo! Tu predichi il vangelo di Gesù, il vangelo della rinascita d’acqua e di Spirito? Se non lo fai, non sei un servo di Dio. È nel vangelo della “rinascita d’acqua e di Spirito” che Dio vuole che crediamo. È quello che Gesù insegnò a Nicodemo in Giovanni capitolo 3. 
La Bibbia parla solo del vangelo della rinascita d’acqua e di Spirito, o parla di altre cose come di lavorare per il bene della società e di vivere una vita santa? Naturalmente anche le seconde sono importanti. Ma puoi farle dopo essere rinato d’acqua e di Spirito. La volontà di Dio è che noi crediamo al vangelo. 
 
 
INSEGNAMENTI DEGLI ERETICI
 
Chi è un eretico?
Chi è ancora peccatore anche se crede in Gesù

Quando iniziò a prosperare nel mondo la fede eretica, pseudo-cristiana?
Il popolo d’Israele venerava un solo Dio finché non fu separato in due regni al tempo di Geroboamo come è scritto in 1 Re capitolo 12-13. Da quel tempo, prima che Cristo venisse in questo mondo, la fede eretica iniziò a prosperare. E ci sono tanti eretici oggigiorno.
La Bibbia parla dei loro insegnamenti pseudo-cristiani in Isaia capitolo 28 e in Tito 3:10-11. La Bibbia dice che gli eretici sono quelli che credono in Gesù ma hanno ancora il peccato nei loro cuori. Chi è così è un eretico. 
Ed essi insegnano, come è scritto in Isaia 28:9-10, “A chi vuole insegnare la scienza? A chi vuole spiegare il discorso? Ai bambini divezzati, appena staccati dal seno? Sì: precetto su precetto, precetto su precetto, norma su norma, norma su norma, un pò qui, un pò là?”
Gli eretici aggiungono precetto su precetto, norma su norma. Cosa significa? Significa “Stai attento, stai attento, stai attento a quelli che dicono di essere rinati attraverso la loro fede in Gesù.” Essi ti dicono solo di stare attento non importa a cosa. Essi ti dicono di non ascoltare, di non andare, per non cadere nell’eresia. 
Ma se essi sono così sicuri che la loro è la fede ortodossa, perché non possono respingere quelli che dicono che la loro fede differisce dalla parola di Dio? È una tale pena. Essi affermano di essere cristiani ortodossi, ma non hanno le parole per superare quello ce essi chiamano eresia. Il vero cristiano può vincere qualunque eretico con la parola di Dio. 
Oggigiorno, i cosiddetti cristiani ortodossi denunciano i rinati come “eretici” solo perché la loro fede è diversa. Come possiamo essere eretici se crediamo nel vangelo dell’acqua e dello Spirito? 
Se quelli chiamati eretici predicano il vangelo dell’acqua e dello Spirito, essi sono veri cristiani ortodossi. Allo stesso modo, se i cosiddetti cristiani ortodossi non predicano il vangelo dell’acqua e dello Spirito, essi sono eretici. 
La differenza tra “ortodossia” ed “eresia” consiste nel predicare il vangelo dell’acqua e dello Spirito e nel credere in Gesù e avere il peccato nel loro cuore o no. Come possono essere eretici se credono nella parola di Dio e sono rinati d’acqua e di Spirito?
È eresia credere nel battesimo di Gesù e nel Suo sangue sulla Croce ed essere completamente mondati dal peccato? È “ortodosso” non credere nel vangelo dell’acqua e dello Spirito? 
Ci sono tante denominazioni che si sono allontanate dalla Bibbia eppure affermano di essere cristiani “ortodossi”. Essi drift via dalla rinascita d’acqua e di Spirito come è specificato nella Bibbia perché essi predicano solo il sangue sulla Croce, negando il battesimo di Gesù (l’acqua). 
Qual è la differenza tra la Chiesa Cattolica Romana e la Chiesa Protestante oggigiorno? Proprio come i riformatori si ribellarono contro la Chiesa Cattolica Romana, proprio come uscirono dalla Chiesa Cattolica Romana e costruirono il Protestantesimo, anche noi dobbiamo ribellarci contro i cristiani ciechi e i falsi sacerdoti. Solo allora possiamo aprire gli occhi al vero vangelo, avere la vera fede, ed essere completamente salvi attraverso il vangelo dell’acqua e dello Spirito.
 
Cosa dobbiamo fare per evitare di diventare eretici?
Dobbiamo rinascere d’acqua e di Spirito.

La Bibbia ci dice che solo quelli che credono nel vangelo del battesimo di Gesù e del Suo sangue sulla Croce seguono la vera fede. Gesù disse così a Nicodemo in Giovanni 3:1-12.
Gli eretici spingono sempre i loro seguaci ad essere devoti nella loro fede. Essi li spingono a pregare all’alba e a lavorare più duramente. È come spingere uomini ciechi a correre. 
Per quanto strenuamente tu preghi, è inutile se non sei rinato d’acqua e di Spirito. Quando noi diciamo che quelli che sono rinati d’acqua e di Spirito sono i giusti, gli eretici ribattono con Romani 3:10, “Non c’è nessun giusto, nemmeno uno.” Con questo versetto, essi etichettano i credenti come eretici. 
Ma essi sono eretici. Il vero significato del versetto non è semplice come sembra. Questi eretici non hanno letto la Bibbia intera. L’apostolo Paolo disse che non c’è un uomo giusto nel mondo. Egli stava solo citando un versetto dal Vecchio Testamento che dice che non c’era nessun giusto nel mondo prima che venisse Gesù Cristo e liberasse tutta l’umanità dai suoi peccati con la salvezza di Dio. Ma quelli che sono salvati da Gesù sono diventati giusti. 
Noi possiamo vedere la verità se leggiamo l’intero capitolo. Gli eretici avvisano i loro seguaci solo ad essere attenti a quelli la cui fede è diversa dalla loro. Tranne le chiese che essi riconoscono come ortodosse, essi proibiscono ai loro seguaci di frequentare altri luoghi di culto. Così le loro congregazioni non osano andare alle chiese che predicano il vangelo dell’acqua e dello Spirito. 
Essi diventano sordi al vero vangelo e non possono rinascere. Questi sono gli insegnamenti dei falso leader che allevano i figli dell’inferno. Ed essi saranno giudicati da Dio. Gli eretici devono tornare a Dio.
Chi sono gli eretici? Sono quelli redenti credendo nel vangelo dell’acqua e dello Spirito, o sono quelli che affermano di credere in Gesù ma non riescono a rinascere d’acqua e di Spirito? 
Tito 3:11 dice che quelli che credono in Gesù ma rimangono “auto-condannati” sono eretici. 
Essi insegnano ai loro seguaci di non andare agli incontri di risveglio nei quali viene predicato il vangelo della rinascita d’acqua e di Spirito, dicendo che è pericoloso. Come può “l’ortodosso” avere paura delle fedi in contrasto con la sua? Essi hanno paura perché non hanno la verità dalla loro parte. “Sì: precetto su precetto, precetto su precetto.” Gli insegnamenti degli eretici sono così. 
I sacerdoti eretici citano un po’ da questo libro, un po’ da quello, dalle parole dei filosofi, dalla letteratura, e le mescolano con i loro pensieri e fanno in modo che il tutto dia una bella impressione. 
Essi prendono per ignoranti i loro seguaci e cercano di educarli con insegnamenti terreni. La vera chiesa predica la parola di Dio ed educa i credenti con la parola di Dio. La gente non viene in chiesa per essere educata alla maniera mondana. Piuttosto, essi vengono in chiesa per ascoltare le cose celesti che non si possono ascoltare nel mondo. Vengono ad ascoltare la parola di Gesù. 
Le persone entrano in chiesa come peccatori ma vogliono uscire dalla chiesa come giusti credenti che non sono nel peccato. Ma cosa insegnano loro i sacerdoti eretici? Essi dicono ai loro seguaci di non andare agli incontri di risveglio in cui i servi di Dio predicano il vero vangelo. Essi impediscono ai loro seguaci di rinascere d’acqua e di Spirito. 
È così sciocco. Essi possono riuscire a ingannare i loro seguaci ma non possono mai ingannare Dio. 
 
Gli pseudosacerdoti possono far rinascere i loro seguaci d’acquae di Spirito?
No. Solo i rinati possono far rinascere gli altri.

Eretici, se voi siete i veri servi di Dio, non udite lo Spirito che vi rimprovera? Dovete tornare indietro. Dovete smettere di impedire ai vostri seguaci di frequentare gli incontri di risveglio in cui i veri servi di Dio predicano il vangelo della rinascita d’acqua e dello Spirito. 
Gli eretici istruiscono i loro seguaci solo con la teologia, così quando essi incontrano altre teorie, essi sono sconfitti. È un tale peccato. I falsi sacerdoti sono buoni ad amministrare senza la parola di Dio. Essi predicano, consultano, e amministrano basandosi solo sulle loro convinzioni erronee. Quelli che amministrano e predicano senza la parola di Dio sono eretici e mercenari (Giovanni 10:13).
I falsi ministri sono eretici perché la loro personalità interna e quella esterna sono diverse. Alcune persone definiscono le chiese che non si conformano alle denominazione stabilite come chiese eretiche. Ma alcune di quelle chiese non vogliono appartenere a nessuna denominazione perché la maggior parte delle chiese è lontana dalla Bibbia. 
Gli eretici dicono ai loro seguaci di redimersi anche se essi stessi non hanno mai risolto il problema dei loro peccati. Essi stanno commettendo il peccato di Geroboamo. Se c’è qualcuno che ha ancora il peccato nel suo cuore ma cerca di compiere le opere di Dio, deve rendersi conto che i suoi peccati e la santità di Dio sono assolutamente incompatibili. Egli deve sapere di essere eretico. 
Pertanto, se uno che predica o ha responsabilità nella chiesa è ancora un peccatore, deve rendersi conto di essere un eretico. Egli è eretico perché non conosce il vangelo della salvezza di Cristo, il vangelo della rinascita d’acqua e di Spirito. Se uno apprende la Bibbia da un eretico e la insegna ad altri nello stesso modo, diventa un eretico. 
Noi possiamo conoscere l’albero dai suoi frutti. Quelli che sono diventati giusti credendo nel battesimo di Gesù e nel Suo sangue possono solo produrre i giusti mentre quelli che sono ancora peccatori sono destinati a produrre peccatori. “Così ogni albero buono produce frutti buoni e ogni albero cattivo produce frutti cattivi” (Matteo 7:17).
 
 
COSA PREDICANO I SACERDOTI ERETICI NEI LORO SERMONI?
 
Cosa predicano i sacerdoti eretici nei loro sermoni?
La teologia terrena e i pensieri degli uomini

I falsi sacerdoti stanno attenti a questo e a quello. Perché sono così attenti? Devono stare attenti che le loro menzogne non siano svelate perché non hanno la solida fede della rinascita d’acqua e di Spirito. 
Gli eretici prendono un po’ qui e un po’ là. Essi ingannano le persone e insegnano senza conoscere il vero significato del vangelo. 
“precetto su precetto, precetto su precetto, norma su norma, norma su norma, un pò qui, un pò là” (Isaia 28:13).
Norma su norma, dicono: “Be’, questa parola significa così e così in greco e così e così in ebraico. E ci sono queste e quelle teorie.” Essi avvisano anche le persone di stare attente se incontrano una teoria della salvezza espressa senza sfumature. Essi dicono: “Martin Lutero disse questo e Giovanni Calvino disse quello mentre John Knox disse così e così, e noi pensiamo che essi abbiano tutti una loro logica.” 
Essi non sanno né di cosa parlano né in cosa credono. Colui il quale ha la vera fede può esprimere la verità senza sfumature. I veri credenti possono dire chiaramente la differenza tra i rinati e in non rinati. Noi predichiamo chiaramente il vangelo della rinascita d’acqua e di Spirito. 
Ma gli eretici sono nel caos. La loro fede è come un pipistrello. Proprio come un pipistrello preferisce l’interno di una grotta durante il giorno e il mondo esterno solo di notte, agli eretici piace questa teoria e quella, credere in questo e in quello. Essi non sanno mai qual è la verità. Quando un sacerdote eretico va all’inferno, i suoi seguaci lo accompagnano in quella fine amara. Così tanti finiscono all’inferno perché credono nei falsi profeti.
Il tuo ministro è rinato d’acqua e di Spirito? Predica le parole del vangelo della rinascita come è scritto nella Bibbia? Se lo fa, sei davvero fortunato, e se non lo fa, sarai condannato. Se non sei rinato, devi ascoltare il vangelo dell’acqua e dello Spirito, leggere libri che lo spiegano, e rinascere. 
Agli eretici non piace il vangelo della rinascita d’acqua e di Spirito. Essi predicano: “Gesù Cristo venne a cancellare i nostri peccati, e fece solo quello. Sta ancora mondando i nostri peccati odierni e continuerà a farlo in futuro.” Come può essere vero? Essi dicono di essere giusti ma continuano a peccare. Sono giusti un momento, peccatori in quello successivo. 
La loro è una falsa teologia. È un falso. Chi è giusto ora e peccatore dopo è un eretico, a falso profeta. Lo è anche chi condanna se stesso, chi corrompe se stesso. 
 
 
LA MALEDIZIONE DI DIO VA AI SEGUACI DEGLI ERETICI 
 
Su cosa pongono la massima enfasi gli eretici?
Sulle opere

Gli eretici non sono coerenti. Pertanto essi non possono guidare i loro seguaci a rinascere d’acqua e di Spirito quando i loro seguaci vanno da loro e chiedono loro come rinascere. Piuttosto, essi danno ai loro seguaci la ridicola idea che l’uomo può rinascere nella fantasia e che non può essere consapevole di quando è rinato. Questo è proprio ridicolo. 
Gesù disse in Giovanni capitolo 3: “Se uno non nasce da acqua e da Spirito, non può entrare nel regno di Dio”. Ma oggigiorno, le persone giuste che sono rinate vengono chiamate eretici presuntuosi. 
I sacerdoti eretici dicono di non potersi chiamare giusti perché sono umili. Essi dicono ai loro seguaci: “Non frequentare nessun incontro di risveglio in cui il predicatore ha in programma di parlare della benedizione della rinascita d’acqua e di Spirito. Se rinasci, diventerai un eretico. Sarai denunciato da questa chiesa. Se vuoi essere con noi, rimani peccatore, e Dio ti renderà giusto quando verrà il tempo.” Questo è ciò che essi dicono. Quello che essi veramente intendono è che dipende da voi se rinascere o meno. 
Gli eretici dicono ai loro seguaci: “Devi stare con noi, ma rinascere è una tua responsabilità. Perciò, provaci per conto tuo. Rimani come sei ora, e vai davanti a Dio quando verrà il tempo, allora scoprirai la verità. Io non so cosa accadrà dopo di ciò. Ma questa è una chiesa ortodossa, perciò devi stare con noi.” Pensate che questo sia vero? 
Questi sacerdoti eretici prendono un po’ da qui e un po’ da lì e inventano una teoria. Allora essa diventa la sola verità per loro. Essi non sanno della parola di Dio che ci parla dell’acqua e dello Spirito.
Gli eretici interpretano la Bibbia secondo i propri pensieri. Noi dobbiamo interpretare la Bibbia secondo le parole in sé, ma essi la interpretano a modo loro. Ecco perché ci sono tanti teologi e denominazioni nel cristianesimo. 
Poiché ci sono tante denominazioni e teologi eretici, c’è un numero infinito di libri eretici. I falsi sacerdoti citano un po’ da questo libro e un po’ da quello quando predicano. Ma i veri sacerdoti predicano solo dalla Bibbia.
Gli eretici estorcono denaro dai loro seguaci in molti modi astuti. Essi mangiano e vivono bene in questo mondo e finiscono all’inferno perché non sono riusciti a rinascere. Queste è la fine che Dio ha preparato per loro. 
Dio li tollera all’inizio. Ma quelli che rifiutano risolutamente di accettare la benedizione di rinascere d’acqua e di Spirito, Egli li manderà all’inferno. 
Dio li giudicherà eretici. Gli eretici credono in Dio molto fervidamente e consumano volumi e volumi di commenti biblici e di opere teologiche all’inizio. Ma poi a poco a poco essi iniziano a predicare dai precetti dell’uomo, in modo che i loro seguaci non possano mai rinascere. 
Gli eretici mettono più enfasi sui loro lavori. Qualsiasi ministro che non predica il vangelo della rinascita d’acqua e di Spirito è eretico davanti a Dio. 
Essi opprimono i loro seguaci senza fine. Li costringono a frequentare per 40 giorni preghiere per tutta la notte, per 100 giorni preghiere il mattino presto, preghiere sulla montagna, a digiunare regolarmente, a fare contributi per costruire chiese, mille olocausti, contributi per incontri di risveglio e compilano persino un grafico per mostrare quanto ha contribuito ogni credente. Solo guardando ai frutti dei loro lavori, possiamo vedere che sono eretici. 
La maledizione di Dio ricade anche i loro seguaci. I ministri che predicano senza essere rinati e i loro seguaci sono tutti sotto la maledizione di Dio. 
 
 
GLI ERETICI CERCANO DI LEGGERE LE MENTI DEI LORO SEGUACI 
 
Perché gli eretici cercano di leggere le menti dei loro seguaci?
Perché essi non sono rinati ma amministrano con ipocrisia e senza lo Spirito nei loro cuori.

I sacerdoti eretici piangono ogni giorno. Essi devono essere sicuri di compiacere i diaconi e diaconesse superiori, gli anziani, i diaconi ordinari e perfino i laici. È così che essi procedono ogni giorno. 
Essi si comportano da ipocriti ogni giorno. “Santo e Misericordioso. . . .” Essi sono pieni di peccati ma devono dire cose sante, per cui diventano più ipocriti ogni giorno che passa. 
Un predicatore una volta disse: “È una maledizione amministrare senza avere lo Spirito dentro.” Questo significa che è eretico compiere l’opera di Dio senza essere redenti; è una vita maledetta. Se sei uno di questi eretici, devi rinascere d’acqua e di Spirito. 
Chi crede in Gesù ma non è rinato è un eretico. E tutti devono tornare al vangelo della rinascita d’acqua e di Spirito. Solo i giusti che sono rinati d’acqua e di Spirito possono predicare il vangelo agli altri. 
 
 
GLI ERETICI GRIDANO SOLO PER LA PACE
 
In che modo i sacerdoti eretici soddisfano i loro seguaci?
Essi invocano sempre la pace, dicendo che I loro seguaci possono entrare nel regno del cielo anche se sono peccatori.

Isaia 28:14-15 dice: “Perciò ascoltate la parola del Signore, uomini arroganti, signori di questo popolo che sta in Gerusalemme: ‘Voi dite: Abbiamo concluso un’alleanza con la morte, e con gli inferi abbiamo fatto lega; il flagello del distruttore, quando passerà, non ci raggiungerà; perché ci siamo fatti della menzogna un rifugio e nella falsità ci siamo nascosti.’”
Chi sono gli uomini arroganti qui? Sono quelli che predicano la parola di Dio, mescolandola cono le loro credenze erronee. Qualunque siano i pensieri di un predicatore, qualunque cosa dica la teologia, egli deve offrire una vera interpretazione della Bibbia. Ma i sacerdoti eretici predicano la Bibbia nel modo che reputano adatto. Questi sono gli uomini arroganti. 
“Abbiamo concluso un’alleanza con la morte, e con gli inferi abbiamo fatto lega. il flagello del distruttore, quando passerà, non ci raggiungerà.”
Gli eretici dicono che il flagello non li raggiungerà. Essi dicono alle persone di non preoccuparsi. La distruzione e l’inferno li attendono, ma essi dicono di non preoccuparsi, distruzione e inferno non esistono per loro. Perciò devi stare lontano da quegli eretici se vuoi vivere. 
Gli eretici dicono che non devi rinascere d’acqua e di Spirito. È vero? No, assolutamente no. Non si può entrare nel regno del cielo se non rinasce d’acqua e di Spirito. 
Va bene non entrare nel regno del cielo? È la stessa cosa che chiedere se va bene bruciare all’inferno. Non occorre dirlo, la risposta a entrambe le domande è no. Crediamo tutti nel vangelo della rinascita d’acqua e di Spirito ed entriamo insieme nel regno del cielo.
I sacerdoti eretici seducono il popolo, dicendo che poiché essi credono in Gesù, va bene per loro rimanere peccatori e che essi non andranno all’inferno. Gesù si prende cura di te anche se sei un peccatore? Può un peccatore andare in cielo? Puoi evitare l’inferno anche se sei un peccatore? È scritto nella Bibbia che non devi andare all’inferno se credi in Gesù, anche se hai il peccato nel tuo cuore? 
Gli eretici dicono di aver fatto un patto con la morte, per cui la morte non verrà da loro. Essi dicono che un credente può evitare di essere condannato all’inferno anche se ha il peccato nel suo cuore. Pensi che veramente avviene in questo modo?
Gli eretici ispirano fiducia alle persone, dicendo che morte e inferno non li attendono. I sacerdoti eretici nominano quelli che non sono rinati a fare diaconi, anziani, ministri. Ma essi devono sapere che finiranno tutti all’inferno perché essi non credono nel vangelo dell’acqua e dello Spirito. Quello che essi devono fare è instillare nei loro seguaci la fede nel vangelo dell’acqua e dello Spirito. 
I credenti, anche se sono peccatori, sono hanno ancora diritto a entrare nel cielo? Può un peccatore andare in cielo? La Bibbia dice che i peccatori possono andare in cielo? No. Può esserci un uomo giusto con il peccato? No. Questi sono gli insegnamenti dell’eresia e della pseudo-teologia. 
La Bibbia dice: “Il salario del peccato è la morte” (Romani 6:23). Questa è la legge di Dio. Egli manda tutti i peccatori all’inferno. Ma tutti quelli che sono rinati d’acqua e di Spirito sono benvenuti nel cielo.
“Il flagello del distruttore, quando passerà, non ci raggiungerà; perché ci siamo fatti della menzogna un rifugio e nella falsità ci siamo nascosti.” I sacerdoti eretici dicono parole in quel senso e credono fermamente che non andranno all’inferno anche se hanno il peccato nei loro cuori. Poiché essi si stanno nascondendo dietro la falsa teologia, Dio non può fare niente per aiutarli. Essi credono solo nella loro teologia. Poiché essi credono nella loro teologia invece che nella parola di Dio, sono eretici e peccatori destinati all’inferno. Come è triste che ce ne siano tanti.
 
 
GLI ERETICI SONO INTERESSATI SOLO AL DENARO

Qual è lo scopo dei sacerdoti eretici?
Estorcere quanto più denaro possible dai loro seguaci

Gli eretici e i falsi sacerdoti sono interessati solo al denaro. Essi sono avidi. “Quanto denaro offrirà quest’uomo se viene nella mia chiesa?” Essi pensano alla decima che pagherà. È proprio come adorare un vitello d’oro. “Per favore fammi avere successo, fammi fare tanti soldi, Signore.” I falsi sacerdoti insegnano alla gente a pregare così. 
Essi dicono: “Se credi in Gesù, farai tanti soldi, concepirai anche se sei sterile, e avrai successo nei tuoi affari.” 
Così molti vengono ingannati da questi pseudo-sacerdoti, e viene loro estorto denaro e vanno all’inferno per i loro guai. Com’è ingiusto questo! Se uno che è caduto nel sortilegio dell’eresia ritorna in sé, sarà sorpreso di scoprire quanto denaro ha consegnato ai suoi ingannatori. Egli si rimprovera per la sua follia a seguire e lavorare tanto per loro. 
Gli eretici sono specialmente fervidi praticanti di quello che essi considerano una legittima religione. I loro seguaci si dedicano alle preghiere la mattina presto, alle preghiere in montagna, ai contributi special, alla decima, alle offerte settimanali. Ci sono tanti motivi per prendere denaro dai loro seguaci. 
I loro seguaci lavorano tanto, ma essi hanno ancora il peccato nei loro cuori perché nessuno ha insegnato loro il vangelo dell’acqua e dello Spirito. Alcuni fanno loro domande riguardo ad esso, ma non ottengono mai una risposta. Chi non è rinato d’acqua e di Spirito è eretico. 
 
 
GLI ERETICI PENOSI E I LORO SEGUACI 

Chi sono le persone più penose al mondo?
Quelle che amministrano senza essere rinate d’acqua e di Spirito
 
“Oh, voi eretici penosi! Lavorate prima per la vostra redenzione!” Il segno primario della pseudo-fede è adorare i vitelli d’oro di Geroboamo. La prima cosa che gli eretici fecero nei tempi del Vecchio Testamento fu di costruire un tempio e riempirlo di vitelli d’oro (1 Re 12:25-33). 
Oggi, essi costruiscono grandi chiese ed estorcono denaro dai loro seguaci. Essi dicono ai loro seguaci di ottenere prestiti dalle banche per contribuire alla costruzione di una splendida chiesa. Essi eccitano le emozioni della congregazione e fanno passare i piatti per la raccolta. Denaro, anelli, orologi d’oro riempiono il piatto in breve tempo. Gli eretici agiscono così. Avviene la stessa cosa in ognuna delle chiese eretiche. 
Esternamente essi sembrano interessati alle cose spirituali, ma in realtà essi sono interessati solo al denaro. Vi consiglio di stare lontani dalle chiese che si interessano solo al denaro. Non andate alle chiese dove solo i ricchi sono trattati cordialmente. È sbagliato annunciare l’importo delle offerte di ogni congregazione perché essi lo fanno nella speranza di attrarre più denaro. 
Gli eretici dicono parole suadenti ai loro seguaci.
“Sarai benedetto se crederai in Gesù.”
“Dedicati alle opere di Dio. Più fai, più benedetto sarai.”
“Se servi come un anziano, sarai benedetto materialmente.”
Così i loro seguaci gareggiano tra loro per diventare anziani. Se non ci fosse nessuna compensazione, chi vorrebbe servire come anziano? E si presume che gli anziani contribuiscano anche finanziariamente. 
Essi sono eletti in base alla profondità con cui credono alla dottrina di quella denominazione, in base alla loro importanza in società e a quanto denaro essi danno alla chiesa? È vero. 
Agli eretici interessano solo i soldi. Essi sono interessati a costruire grandi chiese. A loro non interessa se i loro seguaci vanno all’inferno finché essi offrono molti soldi.
Gli eretici sono quelli che agiscono per il pane. Essi intrappolano i loro devoti con titoli fantasiosi. Essi danno titoli ai loro seguaci casualmente (Ezechiele 13:17-19). Questo ha lo scopo di legarli alla chiesa e di aumentare la sua ricchezza. Gli eretici non predicano il vangelo dell’acqua e dello Spirito. Essi cercano solo di arricchirsi.
Anche uno che ha frequentato una chiesa solo per pochi mesi può diventare un diacono. Inoltre, se è ben esperto nella dottrina ed è solido finanziariamente, viene elevato ad anziano. Questo avviene tutto nella vergognosa tradizione del peccato di Geroboamo, che sostituì Dio con un vitello d’oro. 
Gli eretici adorano vitelli d’oro. Essi non fanno rinascere il loro popolo. Essi prendono solo denaro dai loro seguaci tentandoli con promesse di benedizioni secolari. A loro non importa se i loro seguaci sono condannati all’inferno purché la loro chiesa sia su solide basi finanziarie. 
 
 
AGLI ERETICI MANCA LA CONVINZIONE NEI LORO SERMONI
 
Agli eretici piace dire “probabilmente” o “forse” frequentemente perché manca loro la convinzione in ciò che stanno dicendo. Essi non hanno fede nella parola di Dio e non credono veramente in ciò che predicano. Il loro sistema di credenze non rientra nella fede nella parola di Dio. Essi dicono: “Si potrebbe dire che. . . .” Essi non parlano mai chiaramente e con convinzione. Sarebbe meglio se non insegnassero niente ai loro seguaci piuttosto che insegnare menzogne. 
Gli eretici non possono guidare le persone a rinascere d’acqua e di Spirito. Essi condannano soltanto più persone all’inferno. 
 
 
GLI ERETICI GIOCANO IL RUOLO DI FALSI PROFETI
 
Cosa costituisce blasfemia contro lo Spirito?
Credere in Gesù vivendo da peccatore che non crede nel Suo battesimo

Matteo capitolo 7 ci parla di quelli che credono in Gesù e finiscono all’inferno. Gli eretici protesteranno davanti a Dio l’ultimo giorno. Come è scritto nella Bibbia, “Molti mi diranno in quel giorno: Signore, Signore, non abbiamo noi profetato nel tuo nome e cacciato demòni nel tuo nome e compiuto molti miracoli nel tuo nome? Io però dichiarerò loro: Non vi ho mai conosciuti; allontanatevi da me, voi operatori di iniquità!” (Matteo 7:22-23)
Essi non credono che Gesù mondò tutti i peccati dell’uomo; essi non credono nel vangelo dell’acqua e dello Spirito.
Essi praticano l’iniquità. Cosa significa? Significa che essi dicono alle persone di credere in Gesù quando essi ancora hanno il peccato nei loro cuori. Forse ti chiedi cosa c’è di così sbagliato ma si tratta di un peccato grave contro Dio. 
Quando un peccatore predica ad altre persone la necessità di credere in Gesù, egli non può guidarle a rinascere perché egli stesso non era rinato d’acqua e di Spirito. Pertanto gli eretici producono soltanto peccatori che credono in Gesù. È un peccato contro lo Spirito praticare l’iniquità. 
Gli eretici non credono nella parola di Dio né predicano il vangelo come è scritto. Essi estorcono solo denaro dai loro seguaci. Essi sono peccatori anche se credono in Gesù. Cercano di guidare altri quando essi stessi non sono rinati. In questo modo, essi praticano l’iniquità. 
 
 
GLI ERETICI SONO PALLIDE IMITAZIONI DEI GIUSTI
 
Coe distinguiamo quelli che sono rinati da quelli che non sono rinati?
Possiamo distinguerli chiedendo se sono nel peccato o meno.

Non fateci ingannare da quei falsi predicatori che dicono di essere peccatori. Non offrite loro il vostro denaro. Non date il vostro denaro guadagnato con fatica a quei peccatori. 
Perché dare denaro a quei predicatori che non possono aiutarvi con i vostri peccati? Se volete dare il vostro denaro a una chiesa, almeno aspettate che i vostri peccati siano cancellati attraverso il vangelo dell’acqua e dello Spirito. 
Proprio come ci sono imitazioni nell’arte, ci sono anche imitazioni nella vita. Ci sono, per esempio, religioni imitative che non possono mondare tutti i peccati nel cuore. Come si può identificare una religione imitativa? Un’imitazione è qualcosa che sembra genuina da fuori ma è di fatto lontana dalla realtà. 
Devi decidere per te stesso. Chi sono i veri predicatori? Chi sono gli eretici? Qual è la fede ortodossa? Gli ortodossi credono in Gesù e nel Suo potere di redimere. Essi non hanno il peccato nei loro cuori. Ma gli eretici hanno il peccato nei loro cuori.
Allora, tutte le persone sono come questi eretici? Forse sì. Ma torniamo alla Bibbia. Chi crede in Gesù e non è rinato è un eretico. È chiaro che i rinati sono gli ortodossi. Allora, quelli che non sono rinati sono eretici. Gli eretici sono quelli che credono in Gesù ma hanno ancora il peccato nel loro cuore. 
Gli eretici sono imitatori dei giusti. Essi possono sapere che la via per santificarsi è credere in Gesù ma sfortunatamente essi hanno ancora il peccato nei loro cuori. Essi si considerano peccatori. Essi affermano di poter ancora andare in cielo e dicono di adorare Dio. Sembra proprio che siano giusti, ma non facciamoci ingannare dalle imitazioni. 
 
 
IL GIUDIZIO DI DIO ASPETTA GLI ERETICI
 
Perché fu modificato il puro vangelo?
Perché i falsi sacerdoti e gli eretici mescolarono le credenze erronee umane con il puro vangelo.

“Perciò, oracolo del Signore, Dio degli eserciti, il Potente di Israele: ‘Ah, esigerò soddisfazioni dai miei avversari, mi vendicherò dei miei nemici. Stenderò la mano su di te, purificherò nel crogiuolo le tue scorie, eliminerò da te tutto il piombo. Renderò i tuoi giudici come una volta, i tuoi consiglieri come al principio. Dopo, sarai chiamata città della giustizia, città fedele’. Sion sarà riscattata con la giustizia, i suoi convertiti con la rettitudine. Tutti insieme finiranno in rovina ribelli e peccatori e periranno quanti hanno abbandonato il Signore. Vi vergognerete delle querce di cui vi siete compiaciuti, arrossirete dei giardini che vi siete scelti, poiché sarete come quercia dalle foglie avvizzite e come giardino senza acqua. Il forte diverrà come stoppa, la sua opera come scintilla; bruceranno tutte e due insieme e nessuno le spegnerà” (Isaia 1:24-31).
Dio ci dice che se crediamo nell’uomo, ci vergogneremo a causa dell’uomo. Egli ci dice che ci vergogneremo per via della chiesa che abbiamo scelto per noi, e questa vergogna sarà come un albero le cui foglie svaniscono come un giardino che non ha acqua. 
Egli ci dice che i falsi sacerdoti e i loro seguaci che credono nei precetti dell’uomo piuttosto che nella parola di Dio diventeranno stoppa e le loro opere scintilla. Entrambi bruceranno all’inferno. I falsi predicatori ed eretici che non sono stati redenti come i peccatori e i nemici dei giusti saranno giudicati con la fiamma di Dio. 
Le chiese costruite solo sulla teologia possono sembrare maestose esternamente, ma non c’è niente all’interno. Qualsiasi chiesa che non si fonda sulla fede nella parola di Dio e nel vangelo della rinascita d’acqua e di Spirito è come un giardino senz’acqua. 
Può essere un albero, ma è un albero morto che non può portare frutto. Quando un pozzo non ha acqua, non è più un pozzo. 
“Il forte diverrà come stoppa, la sua opera come scintilla; bruceranno tutte e due insieme e nessuno le spegnerà.” Quelli che non hanno lo Spirito possono sembrare forti agli altri uomini, ma agli occhi di Dio, essi sono come stoppa destinati ai fuochi dell’inferno.
Il Signore chiede: “Sentinella, quanto resta della notte?” (Isaia 21:11) I giusti che hanno la vita eterna devono predicare il vangelo dell’acqua e dello Spirito nell’oscurità della notte. 
Dio è luce e Satana è oscurità. Dio conduce il popolo alla giustizia e Satana conduce il popolo ai falsi templi con il caos e la falsa teologia. 
Al tempo del profeta Isaia, la fede del popolo era caotica come ora. Essi mescolavano la parola di Dio con le teologie e i precetti dell’uomo. Essi sviarono il popolo d’Israele con i concetti caotici prodotti dall’uomo tanto che Dio decise di sbarazzarsi di tutti loro. 
“Eliminerò da te tutto il piombo. Renderò i tuoi giudici come una volta, i tuoi consiglieri come al principio.” Le offerte che non saranno mai accettate da Dio sono come lega, una miscela della verità di Dio e delle teorie dell’uomo. 
Dio non accetta mai offerte che sono mescolate. Esse possono sembrare pure all’occhio umano, ma se sono frammiste con le credenze erronee dell’uomo esse sono mescolate con le impurità e pertanto non sono accettabili per Dio.
Dio rimproverò il popolo d’Israele, specialmente gli eretici, i falsi predicatori e i peccatori. 
Se noi leggiamo l’Esodo o i Numeri, vediamo che Dio non li rimproverò all’inizio. Dio aiutò il popolo d’Israele e concesse loro benedizioni. Ma dopo la morte di Giosuè, da Giudici, il popolo d’Israele fu invaso. 
Tuttavia, essi scelsero di andare per la loro via. In quel tempo, Dio mandò il profeta Geremia e disse a Israele di arrendersi a Babilonia. 
Geremia disse al popolo dia arrendersi a Babilonia. Questo ha un significato spirituale, simboleggiando il fatto che i giusti dicono a quelli che seguono gli eretici di arrendersi al vangelo dell’acqua e dello Spirito. 
 
 
DIO BIASIMA GLI ERETICI
 
Perché Dio biasima gli eretici?
Perché servono gli idoli invece di Dio 
 
Perché i servi di Dio rimproverarono il popolo d’Israele? Perché essi cambiarono il sistema sacrificale, nominarono sacerdoti persone ordinarie, e cambiarono le date dei sacrifici.
Essi spostarono il Giorno dell’Espiazione dal decimo giorno del settimo mese al quinto giorno dell’ottavo mese e nominarono sacerdoti esterni ai Leviti. In tal modo essi bloccarono la via per la rinascita. 
Dio rimproverò i falsi predicatori. Quelli che servivano vitelli d’oro invece di Dio divennero sacerdoti eretici. 
Di fatto, Dio non li rimproverò solo per aver adorato idoli. Non adoriamo idoli anche noi, a volte? Noi pecchiamo tanto spesso, ma le nostre iniquità non sono considerate gravi peccati solo perché noi siamo nella grazia di Dio. Ma sostituire Dio con vitelli d’oro non può essere perdonato. E lo stesso riguarda cambiare il sistema sacrificale e nominare persone ordinarie al sacerdozio.
Che peccati terribili sono questi! Essi sono i peccati più gravi. Come si può essere perdonati se si scambia Dio per dei vitelli d’oro! È scritto nella Bibbia che fu il peccato di Geroboamo che portò all’ira di Dio.
Proprio come Dio mostrò la Sua ira nel Vecchio Testamento, Egli ora distrugge i peccatori che sono contro di Lui. Dio disse a Israele che avrebbe maledetto quelli che non si fossero astenuti dall’adorare vitelli d’oro.
 
 
GLI ERETICI OFFRONO SACRIFICI ILLEGITTIMI 
 
Cosa dobbiamo fare prima di poter servire Dio?
Mondare tutti i nostri peccati.

I re e i sacerdoti eretici di Israele erano contro Dio e nominavano al sacerdozio quelli che trascurarono il sistema sacrificale. Geroboamo, il re con la mente fuori strada, ordinò sacerdote uno che non veniva dalla casa di Levi. 
Solo quelli che erano della casa di Levi potevano diventare sacerdoti e lavorare nel tabernacolo. Più precisamente, i sacerdoti dovevano essere della casa di Aronne. Questa era la legge eterna di Dio. Ma Geroboamo ordinò sacerdoti fuori dalla casa di Levi e fece loro offrire sacrifici ai vitelli d’oro. Noi dobbiamo sapere che questo portò l’ira di Dio. 
Anche oggi, quelli che non sono rinati possono diventare ministri, anziani, e diaconi nella chiesa. Questo va contro la legge di Dio e invita la Sua ira. Dio è contento dei sacrifici illegittimi? Gli eretici devono distruggere i loro vitelli d’oro e ritornare a Dio e rinascere.
Isaia 1:10-17 dice: “Udite la parola del Signore, voi capi di Sòdoma; ascoltate la dottrina del nostro Dio, popolo di Gomorra! ‘Che m’importa dei vostri sacrifici senza numero?’ dice il Signore. ‘Sono sazio degli olocausti di montoni e del grasso di giovenchi; il sangue di tori e di agnelli e di capri io non lo gradisco. Quando venite a presentarvi a me, chi richiede da voi che veniate a calpestare i miei atri? Smettete di presentare offerte inutili, l’incenso è un abominio per me; noviluni, sabati, assemblee sacre, non posso sopportare delitto e solennità. I vostri noviluni e le vostre feste io detesto, sono per me un peso; sono stanco di sopportarli. Quando stendete le mani, io allontano gli occhi da voi. Anche se moltiplicate le preghiere, io non ascolto. Le vostre mani grondano sangue. Lavatevi, purificatevi, togliete il male delle vostre azioni dalla mia vista. Cessate di fare il male, imparate a fare il bene, ricercate la giustizia, soccorrete l’oppresso, rendete giustizia all’orfano, difendete la causa della vedova.’”
Se leggiamo questo passaggio attentamente, possiamo vedere che i leader religiosi di Israele erano molto devoti. Ma nonostante la loro devozione, essi furono distrutti perché offrivano i sacrifici sbagliati e disobbedivano alla legge di Dio. 
Noi possiamo vedere che essi non seguivano la legge di Dio quando offrivano sacrifici né prestavano attenzione alla parola di Dio. Questi leader erano così devoti che facevano innumerevoli offerte davanti a Dio. La Bibbia dice che il sangue scorreva come un fiume dentro il tabernacolo. 
Ma quando Dio guardò quello che essi facevano, disse che era come il peccato di Gomorra. Egli vide che stavano facendo offerte davanti a Lui, ma di fatto, stavano peccando. Egli disse che era meglio non portare nessuna offerta. Non le voleva. 
Poiché essi offrivano i sacrifici davanti ai vitelli d’oro, Dio non poteva perdonare i loro peccati. Egli non poteva più sopportarli. Egli disse loro che dovevano offrire sacrifici secondo il modo che Egli aveva comandato. Altrimenti, sarebbe stato meglio per loro non offrire affatto sacrifici. 
I loro sacrifici non erano offerti a Dio nel modo giusto, e di conseguenza, i sacerdoti peccavano contro Dio. Dovete sapere che servire Dio e compiere la Sua opera senza mondare i peccati è un grave peccato davanti a Lui. 
 
 
GLI ERETICI SONO COME MAESTRI DI SCUOLA
 
Cosa insegnano gli eretici?
Insegnano l’etica, non come rinascere.

Gli eretici hanno un aspetto santo all’esterno. Quando essi occupano il pulpito, hanno un aspetto che colpisce tanto che molti ne sono ingannati. Dicono cose così logiche. E concludono sempre i loro sermoni ammonendo le persone ad essere buone. Che tipo di sermone è questo? Qual è la differenza tra i loro sermoni e le lezioni dei maestri di scuola? 
La chiesa di Dio è il luogo dove i rinati si riuniscono per adorare Dio. Solo questo genere di chiesa è una vera chiesa. La vera chiesa di Dio non cerca di insegnare come comportarsi davanti a Dio. Il predicatore della vera chiesa predica il vangelo dell’acqua e dello Spirito. Non importa quanto sei infermo, Dio ha mondato tutti i tuoi peccati. 
I predicatori eretici dicono ai loro seguaci: “Fai questo, e fai quello”, caricandoli pesantemente, ma essi stessi non sono disposti ad alzare un dito per spingerli. 
Un predicatore eretico compra a suo figlio un costoso violino e lo manda all’estero a studiare. Come può un sacerdote permettersi questa spesa? Da dove prende il denaro? Se ha quella quantità di denaro, non dovrebbe spenderla per predicare il vangelo? Un predicatore dovrebbe avere un’automobile costosa? Ha bisogno di possedere un’automobile lussuosa per acquisire dignità? Un predicatore che possiede un’automobile costosa è un ladro. Quando i suoi seguaci non possono neanche permettersi di comprare un’utilitaria, come può egli avere il diritto di possedere un modello lussuoso? Possiamo dire che un predicatore è eretico solo guardando le sue azioni. 
I predicatori eretici chiedono grandi somme di denaro. Alcune chiese pagano ai loro predicatori oltre $ 10.000 al mese. E questa è solo la paga ufficiale. Vengono loro forniti diritti per attività didattica, diritti per i libri, diritti per la cura dei figli, diritti per le visite per nominarne solo alcuni. 
E tuttavia, alcuni di loro si lamentano di non essere pagati abbastanza. Essi ricevono $ 10.000 al mese e chiedono più denaro. $ 10.000 sono mangime per polli? Un predicatore dovrebbe essere contento di guadagnare solo abbastanza per tirare avanti quando predica il vangelo dell’acqua e dello Spirito. 
Un vero predicatore riceve consolazione e pace da Dio. Ma un predicatore eretico che non ha pace chiede una compensazione monetaria. Tali predicatori di fatto adorano vitelli d’oro. 
La chiesa di Dio a volte è chiamata Sion. Non c’è una chiesa bella come Sion. La chiesa di Dio è il luogo dove viene predicato il vangelo dell’acqua e dello Spirito. 
Isaia 1:21 dice: “Come mai è diventata una prostituta la città fedele? Era piena di rettitudine, la giustizia vi dimorava; ora invece è piena di assassini!” Isaia descrive la chiesa di Dio, dicendo: “Era piena di rettitudine.”
Dio è giusto ed equo. Poiché noi siamo incompleti, poiché noi siamo i discendenti di Adamo e nati per peccare, Gesù venne in questo mondo per mondare i nostri peccati con l’acqua e lo Spirito. È così che Dio è equo. 
Nel Vecchio Testamento, quando le persone sapevano di essere insufficienti, venivano a Dio e offrivano sacrifici. “Ho sbagliato in questo e in quel modo. Sono stato in difetto.” Allora essi venivano perdonati per i loro peccati giornalieri, e potevano anche ottenere il perdono per i loro peccati dell’anno tutti insieme nel Giorno dell’Espiazione.
Allo stesso modo, nel Nuovo Testamento, Gesù Cristo venne in questo mondo e fu battezzato e crocifisso per mondare i peccati dell’umanità una volta per tutte. 
Ma ala Messa del Nuovo Anno, molti piangono e si pentono, “Mio Dio, perdonami per i peccati che ho commesso lo scorso anno. E benedicimi nel nuovo anno.” Quelle persone sono eretiche. 
Allora, qual è la verità della rinascita d’acqua e di Spirito? Gesù venne al mondo circa 2000 anni fa, mondò i peccati dell’umanità una volta per tutte e in tal modo ci salvò dal peccato per sempre. Egli ci salvò da tutti i peccati del mondo con l’acqua e il sangue. Ma se noi chiedessimo il perdono ogni giorno, cosa direbbe? 
“Come mai è diventata una prostituta la città fedele? Era piena di rettitudine, ora invece è piena di assassini!” Chi si chiama peccatore è un eretico.
 
 
I SACERDOTI ERETICI NON POSSONO PREDICARE IL VANGELO DEI RINATI D’ACQUA E DI SPIRITO
 
Dio ascolta le preghiere dei peccatori?
No. Egli non può ascoltarle perché i loro peccati li separano da Dio.
 
Il nostro Dio chiama assassini quelli che credono in Lui e chiedono perdono. Poiché essi chiedono il perdono e dicono anche di essere peccatori, si aspettano che Gesù ritorni e muoia per i loro peccati una seconda volta? Il battesimo e la Croce di Gesù sono la realtà della salvezza. 
In 1 Pietro 3:21, si dice che il battesimo di Gesù è la figura della nostra salvezza. Gesù Cristo morì una volta per salvare l’umanità dal peccato. Egli mondò i peccati dell’umanità una volta per tutte e resuscitò tre giorni dopo. Egli ora siede alla destra di Dio. 
Gesù Cristo fu battezzato una volta e morì una volta sulla Croce per salvarci dal peccato per sempre. Egli fu battezzato da Giovanni Battista quando aveva 30 anni. Egli morì una volta per salvarci da tutti i peccati del mondo. Questo significa che il giudizio fu dato per sempre? 
Se gli eretici dicono di essere ancora peccatori, Gli stanno chiedendo di scendere una seconda volta e di essere crocifisso di nuovo. Di fatto, Egli dovrebbe continuare a farlo ogni volta che essi chiedono il perdono. 
Quelli che credono nel vangelo dell’acqua e dello Spirito nei loro cuori sono salvati dal peccato per sempre, diventano giusti, vanno al cielo a ricevere la benedizione di Dio e la vita eterna. Chi incontra i giusti può essere salvato attraverso l’acqua e lo Spirito e diventare uno del popolo benedetto di Dio. Chi chiede la giusta salvezza davanti a Dio sarà benedetto. 
Leggiamo Isaia 1:18-20. “Su, venite e discutiamo dice il Signore. Anche se i vostri peccati fossero come scarlatto, diventeranno bianchi come neve. Se fossero rossi come porpora, diventeranno come lana. Se sarete docili e ascolterete, mangerete i frutti della terra. Ma se vi ostinate e vi ribellate, sarete divorati dalla spada, perché la bocca del Signore ha parlato.”
Dio ci sta dicendo che se siamo obbedienti al vangelo dell’acqua e dello Spirito, mangeremo il buono della terra, ma se ci rifiutiamo e ci ribelliamo, saremo divorati dalla spada. 
Il nostro Dio dice: “Venite e discutiamo. Parliamo. Sei insufficiente? Non sei giusto? Ami troppo te stesso? Non sai vivere secondo i comandamenti? Non sai fare quello che la legge ordina? Lo sai ma non sai metterlo in pratica? Allora, vieni a Me. Anche se i tuoi peccati sono come scarlatto, essi saranno bianchi come neve; anche se sono rossi come porpora, saranno come lana.” Questo significa che Dio salvò i peccatori in maniera equa e il rese giusti. 
Non esisteva il peccato quando Dio creò Adamo ed Eva. Ma presto Satana entrò in scena. Egli li tentò a disobbedire a Dio e rese tutta umanità peccatrice facendola peccare. Satana causò la caduta dell’uomo. All’inizio, Adamo ed Eva non erano peccatori davanti a Dio. Essi vivevano con Dio nel giardino dell’Eden. Ma essi divennero peccatori. Così ora, Dio ci sta chiamando. Vieni e ragioniamo insieme. Ragioniamo insieme!
“Quanto peccato hai commesso in questo mondo? E quanto peccato commetterai prima di morire?” 
“Oh, Dio. È impossibile non peccare. Noi non possiamo diventare santificati per quanto ci sforziamo.” 
“Bene, allora quanti peccati hai commesso finora?”
“Bene, Signore, non ricordo tutto, ma ce ne sono alcuni che restano attaccati alla mia mente. Ricordi quella volta? Sai di cosa parlo . . . e c’è quell’altra volta, Tu sai . . . ”
Allora Dio dice: “Allora continua e dimmi. Pensi che sia tutto? Sai quanti oltre a quelli? Ma tutti i peccati che ricordi, tutti i peccati che hai dimenticato, e perfino tutti i peccati che commetterai in futuro, li ho mondati tutti per sempre. E non solo i tuoi, ma quelli dei tuoi figli e dei loro figli, giù fino ai peccati di tutti i tuoi discendenti. I sono il giusto Dio. Io ho mondato i tuoi peccati una volta per tutte.”
Dio, che mondò tutti i peccati dell’umanità dal peccato di Adamo ai peccati dell’ultimo uomo sulla terra, è l’Alfa e l’Omega, l’Inizio e la Fine. 
“Io sono il Salvatore e l’Onnipotente Dio.” 
“Io sono Geova, Dio Misericordioso.”
“Io avrò pietà di quelli che meritano pietà, e avrò compassione di quelli che meritano compassione.”
Se noi chiediamo la Sua pietà e siamo franchi con Lui, possiamo avere la compassione di Dio. Nostro Padre vuole benedirci tutti. Egli vuole che tutti noi diventiamo giusti. Nel Suo amore e compassione, Egli vuole farci tutti Suoi figli giusti. 
 
Cosa vuole Dio che noi facciamo dopo essere rinati?
Vuole che predichiamo il vangelo in tutto il mondo.

Egli vuole che siamo bianchi come neve. Gesù mondò i peccati dell’umanità una volta per tutte attraverso il Suo battesimo e il Suo sangue. Se una chiesa non può risolvere i problemi del peccato e della vita per tutti i credenti, non può essere chiamata la vera chiesa di Dio. 
Le persone vanno dai sacerdoti e chiedono: “Io sono nel peccato. Cosa devo fare? Mi pento e mi sono pentito tante volte, ma i miei peccati non se ne sono andati. Non ce la faccio più. Non penso di poter continuare con la mia vita religiosa.” Se un sacerdote non sa dargli la risposta giusta ai suoi problemi, è un eretico. Egli può dire: “Dipende da te. Vai a pregare sulle montagne. Prova a fare un digiuno di 40 giorni.” 
I sacerdoti eretici o i leader religiosi sono così pieni di impurità che non conoscono neanche il vangelo dell’acqua e dello Spirito. Essi non sanno se le loro anime finiranno all’inferno o in cielo. 
Quei leader non sono giusti davanti a Dio. Essi sono falsi ed eretici. Essi sembrano credere in Gesù esternamente, ma i loro cuori sono ancora pieni di peccato. Essi non sono stati mondati dai loro peccati. Essi non possono predicare il vangelo dell’acqua e dello Spirito che può mondare tutti i peccati. Non facciamoci ingannare da loro. 
Tito 3:10-11 dice degli eretici: “Dopo una o due ammonizioni stà lontano da chi è fazioso, ben sapendo che è gente ormai fuori strada e che continua a peccare condannandosi da se stessa.” Poiché essi credono in Gesù ma non sono rinati, essi condannano se stessi come peccatori. Essi ignorano e calpestano il vangelo dell’acqua e dello Spirito, dicendo di essere peccatori che non possono che andare all’inferno. 
Essi sono eretici nel Cristianesimo. Chi crede in Gesù ed è nel peccato è un eretico. Gli eretici differiscono da Dio. Dio è santo. Ma essi non sono santi. Quelli che credono nel vangelo dell’acqua e dello Spirito sono mondati da tutti i loro peccati. Così chiunque crede in Gesù ma è nel peccato è un eretico. Noi dobbiamo stare lontani da quelli che dicono di credere in Dio ma sono ancora peccatori. 
Predichiamo il vangelo a quelli che non lo hanno ascoltato ancora e a quelli che vogliono credere ma non possono perché non lo conoscono. Aiutiamoli a rinascere. Respingiamo quelli che ostacolano il vangelo dell’acqua e dello Spirito. 
Noi dobbiamo predicare il vangelo della rinascita d’acqua e di Spirito in tutto il mondo. Amen!