उपदेश

Subject 8 : Lo Spirito Santo

[8-17] (Romani 8:16-25) Noi dobbiamo possedere fede e speranza nello Spirito Santo

(Romani 8:16-25)
“Lo Spirito stesso attesta al nostro spirito che siamo figli di Dio. E se siamo figli, siamo anche eredi: eredi di Dio, coeredi di Cristo, se veramente partecipiamo alle sue sofferenze per partecipare anche alla sua gloria. Io ritengo, infatti, che le sofferenze del momento presente non sono paragonabili alla gloria futura che dovrà essere rivelata in noi. La creazione stessa attende con impazienza la rivelazione dei figli di Dio; essa infatti è stata sottomessa alla caducità - non per suo volere, ma per volere di colui che l’ha sottomessa - e nutre la speranza i essere lei pure liberata dalla schiavitù della corruzione, per entrare nella libertà della gloria dei figli di Dio. Sappiamo bene infatti che tutta la creazione geme e soffre fino ad oggi nelle doglie del parto; essa non è la sola, ma anche noi, che possediamo le primizie dello Spirito, gemiamo interiormente aspettando l’adozione a figli, la redenzione del nostro corpo. Poiché nella speranza noi siamo stati salvati. Ora, ciò che si spera, se visto, non è più speranza; infatti, ciò che uno gia vede, come potrebbe ancora sperarlo? Ma se speriamo quello che non vediamo, lo attendiamo con perseveranza.”
 
 
Perché i giusti posseggono la speranza nello Spirito Santo?
Perché noi cristiani rinati possiederemo il nuovo cielo e terra mentre quelli che non sono rinati periranno con la caduta di questo mondo.
 
 
Ora è un tempo senza speranza
 
C’è vera speranza ora nel mondo? No. Essa esiste solo con Gesù. Ora è un tempo di incertezza e disperazione. Tutto cambia quotidianamente e rapidamente, e le persone cercano con molta difficoltà di tenersi aggiornati con questi rapidi cambiamenti. Essi non cercano la verità spirituale e non hanno nessuna preoccupazione per la felicità spirituale. Invece essi combattono per evitare l’insuccesso e vivono come servi di questo mondo.
Emergono nuovi lavori e muoiono i vecchi lavori. Allo stesso modo, le persone stanno anche subendo cambiamenti drammatici. Pertanto essi conducono vite molto occupate e inquiete. E gradualmente, la loro speranza per questo mondo svanisce. Uno dei motivi di ciò è che conducono vite senza nessuna garanzia certa per il futuro. Noi stiamo vivendo in questo mondo instabile.
 
 
Noi dobbiamo sperare nella vita eterna nello Spirito Santo
 
Come possiamo ottenere la vera speranza? Noi possiamo ottenerla credendo nel vangelo dell’acqua e dello Spirito. La speranza di quelli che ricevettero lo Spirito Santo non è sulla terra, ma in Cielo. L’apostolo Paolo parlò della vera speranza del Cielo. Noi che abbiamo già ricevuto la presenza dello Spirito Santo speriamo nelle cose celesti. Lo facciamo perché crediamo che Gesù Cristo venne per togliere tutti i nostri peccati e salvò noi peccatori attraverso il Suo battesimo ad opera di Giovanni e il Suo sangue sulla Croce. Il Signore concesse la speranza celeste a quelli che credono nel vangelo del perdono del peccato.
Romani 8:19-21 dice: “La creazione stessa attende con impazienza la rivelazione dei figli di Dio; essa infatti è stata sottomessa alla caducità - non per suo volere, ma per volere di colui che l’ha sottomessa - e nutre la speranza i essere lei pure liberata dalla schiavitù della corruzione, per entrare nella libertà della gloria dei figli di Dio.” Tutta la creazione spera di essere liberata dalla schiavitù della corruzione e della morte. 
Tutte le cose in questo mondo sono imperfette, per cui essi gemono e attendono i figli di Dio per essere rivelate. Inoltre, essi desiderano anche essere liberati dalla schiavitù della corruzione e vivere in eterno. Tutta la creazione attende il giorno in cui non decadrà più o svanirà ma vivrà per sempre. 
Un giorno tutte le creature fatte da Dio saranno rinnovate. Anche se un fiore appassisce e decade in questo mondo, sboccerà e vivrà per sempre in un nuovo mondo. Anche noi che abbiamo la presenza dello Spirito Santo vedremo questo nuovo mondo. 
Gesù Cristo promise che sarebbe ritornato, avrebbe sollevato quelli che hanno la presenza dello Spirito Santo, avrebbe dato loro un nuovo corpo che è sia incorruttibile che immortale a ognuno di loro, e avrebbe dato loro la vita eterna. Egli promise anche loro che avrebbero vissuto per sempre in Cielo insieme con Dio. Tutte le creature nel mondo attendono quel giorno. Anch’esse vivranno per sempre con noi, figli di Dio, quando verrà quel giorno.
 
 
Questo mondo visto attraverso la speranza
 
Quando si avvera questo sogno per i giusti? Si avvera quando nostro Signore ritornerà. Noi dobbiamo essere nella speranza quando guardiamo questo mondo. Gesù dice che ci saranno carestie, pestilenze, terremoti e guerre in vari luoghi (Matteo 24:7). Ma la fine non è ancora arrivata. L’ultimo giorno di questo mondo, nostro Signore verrà di nuovo, rinnoverà tutte le cose terrene e ci trasmetterà il corpo spirituale dell’immortalità. Questo significa che anche le piante e gli animali riceveranno l’immortalità. Credendo questo, noi dobbiamo vedere il mondo con rinnovata speranza.
In questo mondo, anche quelli che hanno la presenza dello Spirito Santo gemono dentro di sé con tutta la creazione, attendendo ardentemente la gloria della redenzione dei nostri corpi come Suoi figli. Noi vediamo il mondo con speranza perché il Signore ci farà Suoi figli, che non decadranno mai né moriranno quando Egli ritornerà.
Anche se il mondo sarà distrutto un giorno, tutte le cose saranno rinnovate quando il Signore tornerà. Noi dobbiamo vivere con la speranza credendo in questo. Il mondo rinnovato sarà gioioso e meraviglioso come un mondo fantastico di cui avete letto nei racconti di fate. Pensate alla vita in questo mondo per mille anni. E avremo anche la vita eterna come Suoi figli quando entreremo nel Regno del Cielo. Noi dobbiamo vivere con questa speranza.
Vedere speranza in questo mondo? No. Le persone vivono in un modo felice, perché non hanno alcuna speranza per questo mondo. Ma nostro Signore ha dato la speranza del Cielo a quelli che sono stati perdonati e resi giusti. “Poiché nella speranza noi siamo stati salvati. Ora, ciò che si spera, se visto, non è più speranza; infatti, ciò che uno gia vede, come potrebbe ancora sperarlo? Ma se speriamo quello che non vediamo, lo attendiamo con perseveranza.” Questo significa che dobbiamo essere abbastanza pazienti da aspettare il ritorno di Gesù perché siamo stati salvati dalla nostra fede nelle parole di Dio.
Noi abbiamo la presenza dello Spirito Santo nella nostra anima perché siamo stati salvati dai nostri peccati. Cioè, quelli che sono stati perdonati da Gesù hanno lo Spirito Santo nei loro cuori invece del peccato. E i nostri corpi? Anche i nostri deboli corpi saranno resuscitati, riceveranno nuova vita e immortalità. Noi vivremo per sempre insieme a Dio quando Gesù ritornerà. Solo i rinati sono privilegiati a fare questo nella speranza, e dunque il nostro Spirito e carne diventeranno perfetti. La nostra carne diventerà eterna e non ci ammaleremo mai. I nostri corpi terreni sono deboli, pertanto, è impossibile per noi vivere una vita perfetta. Ma allora vivremo una vita perfetta. Guardiamo avanti alla Seconda Venuta del Signore. Solo quelli che hanno la presenza dello Spirito Santo possono avere quel tipo di speranza e di vita.
La speranza dei giusti non è solo in Cielo ma si avvera anche in questo mondo. La Bibbia dice che nostro Signore verrà di nuovo quando questo mondo sarà caduto dopo la Grande Tribolazione. Egli verrà sicuramente. Quando venne la prima volta, fu battezzato per amore dei peccatori, morì sulla Croce per renderli giusti, e infine salì al Cielo. Adesso è il tempo in cui il Signore sta per ritornare. 
Allora prenderà tutti i santi che dormono che credettero in Gesù e ricevettero la presenza dello Spirito Santo e li libererà dalla schiavitù della corruzione. Egli darà loro nuovi corpi celesti che non decadono mai né si ammalano. Inoltre, essi saranno presi nelle nuvole per incontrarLo nell’aria ed Egli farà tutte le cose nuove. 
Dopo ciò, noi, insieme con Gesù nostro Signore, vivremo e regneremo con Lui nel nuovo mondo per un millennio come ricompensa per aver servito il vangelo. Questa è una prova per quelli che andranno in Cielo. Questa è la sperare del Cielo e la realtà. Allora, tutte le cose imperfette diventeranno perfette, e le cose che devono decadere non decadranno mai. Le parole, “Così anche la risurrezione dei morti: si semina corruttibile e risorge incorruttibile” (1 Corinzi 15:42), saranno adempiute in quel tempo attraverso Gesù Cristo.
Noi che abbiamo la presenza dello Spirito Santo dobbiamo avere speranza! Voi dovete ricordare che anche se tutte le cose si indeboliscono e muoiono, questa non è la fine. Noi dobbiamo avere la fede della speranza che nostro Signore farà ancora nuovo il mondo intero. Noi dobbiamo vivere nella speranza del nuovo cielo e terra. Avendo questa speranza, noi possiamo predicare il vangelo. 
Noi abbiamo la presenza dello Spirito Santo perché siamo salvi dai peccati del mondo. Allo stesso modo, lo Spirito Santo dentro di noi guarda avanti al ritorno del Signore. Egli fa intercessioni a Dio Padre per conto nostro perché viviamo con speranza e fede senza delusione nel nostro cuore.
 
 
Noi dobbiamo vivere nella speranza nello Spirito Santo
 
Dov’è il posto dei giusti? Sarà nel [5]Millennio che il Signore ricostruirà rinnovando questa terra quando ritornerà e anche il Regno del Cielo. Pertanto, noi dobbiamo essere abbastanza pazienti da aspettare che venga quel giorno. Noi dobbiamo credere che nostro Signore farà i nostri corpi perfetti quando questo mondo sarà caduto. Noi dobbiamo avere speranza per un domani glorioso. 
 
Quando il Signore Gesù scenderà su questo mondo per la seconda volta secondo la Sua promessa, Egli scenderà dal Cielo, e resusciterà prima i morti in Cristo. Dopo di ciò, Egli trasformerà tutti i santi, vivi e risorti, in corpi eterni incorruttibili e immortali, e prenderà tutti i santi sulle nuvole per incontrare il Signore nell’aria (1 Tessalonicesi 4:16-17, 1 Corinzi 15:51-53). 
Poi Egli renderà tutte le cose nuove dopo aver versato le sette coppe della Sua ira sui restanti peccatori. Egli fonderà il Suo Regno sulla terra rinnovata, regnerà per mille anni con quelli che partecipano alla prima resurrezione (Apocalisse 20:4-5). Dopo il Millennio, Egli giudicherà tutti i morti, e li getterà nel lago di fuoco (Apocalisse 20:11-15). Poi Egli condurrà tutto il Suo popolo nella Città celeste, la Nuova Gerusalemme, e dimorerà con loro per sempre (Apocalisse 21:1-4).
 
Avendo la presenza dello Spirito Santo, Paolo aveva la stessa speranza che abbiamo noi. Noi viviamo con la stessa speranza nella nostra mente, attendendo il Millennio e il Regno del Cielo. Coloro che non sono rinati periranno con la caduta di questo mondo, ma noi cristiani rinati possederemo il nuovo cielo e terra. Questa speranza si avvererà davvero. I nostri corpi diventeranno perfetti e noi vivremo e regneremo con Gesù per mille anni nel nuovo mondo. In attesa di quel giorno, noi possiamo avere speranza vivere senza paura nel mondo.
Dobbiamo essere pazienti e aspettare. Anche se la nostra vita è estenuante, le nostre speranze si avvereranno perché noi crediamo in Dio. Quelli senza speranza non sono nient’altro che persone già morte. Abbiate speranza e conservati i vostri sogni credendo nelle parole di Dio.
Proprio come il nostro perdono fu reale, i cambiamenti nei nostri corpi saranno reali ed è reale che tutte le creature guadagneranno alla vita eterna. Anche la nostra speranza è reale. Abbiate fede in ciò in cui credete. Quelli che hanno speranza possono essere belli e felici. Le persone diventano infelici se non hanno speranza. Quelli senza sogni non hanno la felicità. Noi possiamo condurre vite felici perché abbiamo speranza nel Millennio e nel Regno del Cielo, il nuovo cielo e terra. 
I giusti devono avere speranza e predicare questa speranza nello Spirito Santo. Noi dobbiamo sperare che il nostro vangelo si diffonda in tutto il mondo. Se hai una fede salda, ti renderai conto che il mondo non è così grande. Anche se il nostro inizio è stato insignificante, riusciremo predicare il vangelo in tutto il mondo se abbiamo speranza e imploriamo. Proprio come fece Paolo, noi dobbiamo credere.
Quelli che hanno speranza sono fedeli nella loro opera di predicare questo meraviglioso vangelo. Noi dobbiamo sperare che il vangelo si diffonda in questa età di disperazione. Noi dobbiamo predicare il meraviglioso vangelo agli stremati, disperati, poveri e umili. Noi dobbiamo liberarli dall’oscurità predicando la speranza nel Regno del Cielo, dove possono entrare solo coloro che sono stati perdonati per i loro peccati credendo nel vangelo dell’acqua e dello Spirito. Noi dobbiamo ispirarli ad avere speranza che il mondo di Dio verrà improvvisamente come un ladro dopo questo tempo di difficoltà. 
Servi e santi rinati, per favore predicate questo vangelo fino ai confini di questo mondo, mantenendo salda la vostra speranza nel Cielo. Per quanto rapidamente possa cadere questo mondo, quelli che hanno la speranza non periranno mai perché hanno qualcosa di eterno oltre questa vita terrena. E siamo sicuramente una seconda vita andata loro dal Signore.