Sermoni

Subject 10 : L’Apocalisse (Commentari sull’Apocalisse)

[Capitolo 9-2] (Apocalisse 9:1-21) Abbiate Fede Audace negli Ultimi Tempi

(Apocalisse 9:1-21)
 
Delle piaghe delle sette trombe, abbiamo appena esaminato le piaghe della quinta e sesta tromba nel suddetto passaggio. La quinta tromba suona la piaga delle cavallette, e la sesta tromba annuncia la piaga della guerra al fiume Eufrate.
La prima cosa che dobbiamo scoprire è se i santi passeranno per queste piaghe delle sette trombe o no. Questa è la prima cosa che dobbiamo ascoltare, conoscere, e credere.
I santi si troveranno nel mezzo delle piaghe delle sette trombe? Anche i santi si troveranno sicuramente nel mezzo di queste piaghe. Un terzo delle foreste del mondo sarà bruciato, un terzo del mare e dei fiumi si trasformerà in sangue, e il sole, la luna, le stelle saranno colpiti e perderanno un terzo della loro luce. Anche se un terzo della natura del mondo intero si trasformerà in sangue o perderà la luce, questo significa anche che gli altri due terzi resteranno. 
La Parola ci dice che noi, i santi che sono stati salvati, ci troveremo nel mezzo delle prime sei piaghe che distruggeranno un terzo del mondo. Tuttavia, noi non temiamo queste piaghe, poiché siccome Dio ordinò alle cavallette di danneggiare “solo quegli uomini che non hanno il sigillo di Dio sulla fronte” nella Sua quinta piaga, Egli proteggerà i santi sigillati da Lui nel mezzo di queste piaghe delle sette trombe.
Ma questo significa anche che i santi passeranno per tutte queste piaghe. Voi ed io, come coloro che sono stati redenti credendo nel vangelo dell’acqua e dello Spirito, ci troveremo nel mezzo della prima piaga, che brucerà un terzo del mondo con il fuoco fatto piovere da Dio, e anche della seconda piaga, che trasformerà un terzo del mare in sangue con la caduta di una montagna fiammeggiante, e anche della terza, che trasformerà un terzo dei fiumi e delle sorgenti in assenzio con la caduta di una grande stella dal cielo. 
Noi passeremo anche per la quarta piaga, che porterà l’oscurità colpendo un terzo del sole, la luna, e le stelle; passeremo anche per la quinta piaga, quando le cavallette danneggeranno le persone con un potere simile a quello degli scorpioni; e, quando la sesta piaga porterà una guerra mondiale al fiume Eufrate, ci troveremo ancora a passare per la piaga intera. Nessuno può farci niente, perché questa è la provvidenza di Dio che attende di essere realizzata. Il fatto che noi passeremo per queste sei orrende piaghe è scritto nella Parola di Dio.
Nostro Signore vi ha redenti da tutti i vostri peccati. Egli ha tolto tutti i nostri peccati attraverso il Suo battesimo, il Suo sangue sulla Croce, e la Sua resurrezione dalla morte. Noi ricevemmo la nostra espiazione credendo in ciò che Gesù Cristo ha fatto per noi. A quelli che hanno ricevuto la remissione di tutti i loro peccati credendo nel vangelo dell’acqua e dello Spirito, anche se passeranno per le sei orribili piaghe, la protezione speciale di Dio sarà con loro. La Parola ci dice, in altre parole, che la grazia speciale di Dio ci consentirà di continuare a vivere. Noi dobbiamo renderci conto di quanto è degno il nostro Dio di ricevere tutti i nostri ringraziamenti per aver dato questo speciale privilegio e protezione nel mezzo delle piaghe a quelli di noi che sono salvati.
Quando il quinto angelo suonò la sua tromba, Giovanni vide “una stella caduta dal cielo sulla terra,” a cui “fu data la chiave del pozzo dell’abisso.” La stella qui si riferisce a un angelo; il significato spirituale delle stelle di Dio è che esse sono tutti i Suoi servi e santi. Quando quest’angelo che cadde sulla terra ricevette la chiave del pozzo dell’abisso e lo aprì con la sua chiave, si alzò fumo dal pozzo come il fumo di un grande forno. 
Il “posso dell’abisso” si riferisce a un posto che non ha, letteralmente, fondo o fine. Noto anche come l’Abisso, è un pozzo di profondità infinita. Quando il quinto angelo suonò la sua tromba, egli, avendo ricevuto la chiave di questo pozzo dell’abisso, aprì il pozzo con questa chiave. Dal pozzo uscì fuori un grande fumo, come da un grande fuoco. Questo fumo dall’abisso coprì il sole e il cielo, oscurando il mondo intero.
Il fumo non fu l’unica cosa che venne fuori quando fu aperto il pozzo dell’abisso; dal pozzo con il fumo vennero fuori anche cavallette. A queste “cavallette” che salirono sulla terra fu dato il potere come quello degli scorpioni della terra, che pungono le persone con le loro code. La Bibbia le descrive come aventi facce che sembrano facce di uomini, forma come quella dei cavalli preparati alla battaglia, denti come quelli di leoni, e capelli come capelli di donne. 
Usando la parola plurale “cavallette” invece del singolare cavalletta, la Bibbia ci dice anche che non stiamo parlando solo di una o di poche cavallette, ma di una nuvola enorme di cavallette, come quelle che piagano le regioni tropicali di tanto in tanto, consumando tutte le piante sul loro cammino di distruzione e non lasciando niente alle spalle tranne le radici. Tali cavallette verranno fuori dal pozzo dell’abisso e tormenteranno le persone per cinque mesi.
Quelli che saranno colpiti dalla quinta delle piaghe delle sette trombe sono solo quelli che non sono rinati. Questa piaga delle cavallette tralascerà i rinati. Nostro Signore non porterà la piaga delle cavallette su di noi, perché Egli sa che i rinati, se fossero punti dalle cavallette, rigetterebbero il vangelo della salvezza, chiedendosi: “perché sono stato salvato?” Noi possiamo accertarci di ciò con il versetto 4: “E fu detto loro di non danneggiare l’erba della terra, né la verdura, né gli alberi, ma solo gli uomini che non avessero il sigillo di Dio sulla fronte.” 
Noi sappiamo che 144.000 del popolo di Israele saranno sigillati dal sigillo di Dio, ma la Bibbia non fa cenno ai Gentili. Questo significa che noi saremo tormentati dalle cavallette come i peccatori? Assolutamente no! Come 144.000 Israeliti sono sigillati, così siamo noi—cioè, i cuori di quelli che hanno ricevuto la remissione dei loro peccati sono sigillati davanti a Dio dallo Spirito Santo. Hai lo Spirito Santo nel tuo cuore? Poiché quelli i cui cuori sono abitati dallo Spirito Santo sono stati sigillati come figli di Dio, noi, insieme a 144.000 Israeliti, sfuggiremo dalle cavallette in quanto Suo popolo. 
Poiché la piaga delle cavallette danneggerà solo quelli che non sono rinati, gli uomini probabilmente ci odieranno e perseguiteranno ancora di più. Durante il periodo di cinque mesi della piaga, solo quelli che non sono rinati saranno punti dalle cavallette, tormentati con grande pena e tuttavia impossibilitati a morire. Le facce di queste cavallette assomigliano a quelle di uomini, i capelli ai capelli di donne, i denti sono feroci come i denti canini dei leoni, e la forma come i cavalli preparati alla battaglia, con code di scorpioni. Queste cavallette minacceranno tutti nel loro cammino con le loro teste, li morderanno ovunque con i loro denti, e li pungeranno con le loro code velenose, arrecando una pena indescrivibilmente atroce alle loro vittime. 
Una sola puntura sarà sufficiente a portare un dolore incredibile, forse simile a essere fulminati dall’elettricità ad alta tensione, che durerà per cinque mesi. E gli uomini non potranno morire, per quanto siano tormentati dalle cavallette o preferiscano essi stessi morire piuttosto che vivere con tali sofferenze. Poiché in questa piaga delle cavallette è inclusa la piaga della non morte, non ci sarà morte sulla terra per cinque mesi. Questa piaga tormenterà il mondo per cinque mesi.
Noi non abbiamo visto tali piaghe con i nostri occhi, ma esse sono state ciononostante tutte programmate da Dio. Dio ci dice che porterà queste piaghe su questa terra, alla gente di questo mondo—cioè, a quelli che non credono in Dio, né nel Suo amore e nella salvezza, né nel Suo vangelo di redenzione. Tutte queste cose sono state progettate da Dio. Poiché Dio ha progettato di fare tutte queste cose, noi dobbiamo credere che Dio di fatto le farà accadere tutte. 
Tutto ciò che possiamo fare è solo credere in Dio, perché nessun uomo può mai discutere su ciò che Dio progetta e fa. Persino in questa situazione dove le persone soffrono per le cavallette, Dio non consentirà alle cavallette di mordere o pungere noi e ci proteggerà da questa piaga, perché Egli ordinerà a loro di non danneggiare quelli che hanno il sigillo di Dio sulla loro fronte. 
 
 
Perché Dio Porta le Piaghe delle Sette Trombe?
 
Gli scopi di Dio le portare le piaghe delle sette trombe sono, per i rinati, di ricevere gloria da loro; per quelli che devono ancora rinascere, di dare loro un’altra possibilità di rinascere; e per tutti quanti in questo mondo che Dio ha creato, di mostrare loro che il Signore è Dio, il Creatore di questo mondo, il Salvatore, e il Giudice di tutti. 
Prima di tutto, portando sofferenze ai peccatori attraverso le piaghe e consentendo ai giusti di sfuggirvi, Dio fa sì che i giusti lodino la grandezza del Signore, la Sua grazia, le benedizioni e la gloria.
Secondo, Dio consente le piaghe per fare il Suo ultimo raccolto. Egli porta le piaghe delle sette trombe per salvare, per l’ultima volta, quelli che hanno conosciuto il vangelo dell’acqua e dello Spirito ma non hanno creduto in esso. È per dare attraverso la Tribolazione a tutti quelli che Dio ha creato, sia ai Gentili che agli Israeliti, la loro ultima possibilità di ritornare al Signore e salvarsi.
Terzo, poiché nulla in questo mondo ebbe origine senza il Signore, Gesù Cristo—che venne su questa terra nella carne di uomo, prese i peccati del mondo su di Sé con il Suo battesimo, e spazzò via tutti i peccati con la Sua morte sulla Croce—mostrerà, attraverso queste terribili piaghe, il Suo potere maestoso a quelli che non hanno accettato il Suo amore e l’amore di Suo Padre, e non hanno creduto nel vangelo della salvezza. A quelli che non sono rinati, Egli porterà sia la loro sofferenza in questo mondo che la loro eterna condanna all’inferno nell’aldilà.
Dio porta le piaghe a questo mondo con questi propositi e progetti. Noi dobbiamo sapere e credere che queste piaghe verranno veramente. Anche se noi saremo eccezionalmente esenti dalla piaga delle cavallette, dobbiamo renderci conto che ciononostante vivremo durante tutte queste piaghe. La piaga del fuoco che brucerà un terzo della natura e le foreste del mondo intero, la piaga dell’acqua che si trasformerà un terzo del mare in sangue e un terzo dei fiumi e delle sorgenti in assenzio, la piaga del buio che oscurerà il sole, la luna, e le stelle, e la piaga della guerra che distruggerà il mondo—noi saremo tutti proprio nel mezzo di tutte queste piaghe. Ma dobbiamo anche renderci conto che anche se passeremo per tali piaghe, continueremo a essere pieni di gioia ancora maggiore.
Con le piaghe delle sette trombe, perderemo ogni interesse nella vita terrena. Supponiamo, per un momento, che i vulcani stanno eruttando ovunque, i terremoti stanno svellendo il terreno, le montagne stanno andando in fumo, e un terzo del mare, dei fiumi, e delle sorgenti si sono trasformati in sangue e assenzio. Polvere, fumo e ceneri coprono il mondo intero; il sole sorge verso le 10 del mattino e tramonta alle 4 del pomeriggio; e la luna e le stelle hanno perso la loro luce e non possiamo più vederle. Vi sentireste entusiasti della vostra vita terrena in un simile mondo? Naturalmente no!
È per questo che i santi guarderanno solo Dio e riporranno la loro speranza solo nel Suo Regno in quel tempo. Tutta la nostra speranza, al 100 percento, si trova solo in Dio. Non avremo più alcun interesse a vivere su questa terra, né potremmo farlo, anche se ci fossero date tutte le ricchezze del mondo per vivere per mille anni. Poiché tutte queste piaghe sono state programmate e consentite da Dio, nessuno può fermarle. Poiché Dio ha programmato queste piaghe, Egli le consentirà.
Perché le piaghe programmate da Dio sono riportate nella Bibbia? Perché Dio sollevò Giovanni in Cielo, gli fece sentire e vedere tutte le piaghe che sarebbero accadute con il suono delle sette trombe, e gli fece scrivere cose udì e vide? Egli mostrò quello che sarebbe accaduto a questo mondo per far sì che i santi riponessero la loro speranza solo nel Regno di Dio, predicessero il vangelo su questa terra, e credessero tutti in Gesù Cristo. 
Dio ha programmato e consentito tutte queste cose in modo che attraverso queste piaghe, le persone ci ripensassero e non soffrissero nello stagno di fuoco e zolfo che brucia nell’inferno. Dio ha dato loro, in altre parole, un rifugio per sfuggire alle piaghe. Poiché Dio non vuole che nessuno di noi finisca all’inferno, vuole che i cuori dei peccatori ritornino a Lui attraverso le piaghe. Io credo che la Parola fu scritta e mostrata a noi in modo che tutti fossero condotti al Paradiso.
Le piaghe che Dio porta su di noi, in altre parole, non sono solo per farci soffrire. Dio porta queste piaghe al mondo e a noi in modo che riponiamo la nostra speranza non su questa terra me nel Suo Regno. Noi dobbiamo anche renderci conto che Egli consente tutte queste cose per farci predicare il Suo amore di salvezza alle innumerevoli anime perse che sono destinate alle fiamme eterne dell’inferno, in modo che anch’esse possano credere nella Parola di salvezza, essere salvate, e sfuggire a questa Tribolazione.
Alcuni tipi di pesce gatto sono rinomati, tra altre cose, per il dolore che possono causare con le loro punture. Se non si è attenti a maneggiare questi pesci, ci si può pungere con le loro pinne velenose, e ne seguirà un dolore atroce, come se si fosse fulminati da una scarica elettrica. Questo dolore è niente in confronto al dolore quando si è punti dalle cavallette. 
Ora immaginate di avere questo dolore per cinque mesi. Sarà il peggior dolore possibile, perché anche se le persone preferiranno morire piuttosto che vivere in agonia, non potranno farlo. Essi non potranno neanche uccidersi, come ci dice la Parola, “Brameranno morire ma la morte fuggirà da loro.” Ma poiché noi siamo diventati figli di Dio credendo nel vangelo dell’acqua e dello Spirito, e poiché in tal modo abbiamo lo Spirito Santo in noi, Dio ci proteggerà da questa piaga in modo che non soffriamo il dolore portato dalle cavallette. Noi siamo protetti persino in mezzo a tale piaga perché abbiamo ricevuto la remissione dei peccati credendo nel vangelo dell’acqua e dello Spirito.
Noi non dovremmo guardare il Libro dell’Apocalisse solo con paura, ma attraverso la Parola dell’Apocalisse, dobbiamo renderci conto di come Dio ci darà la Sua speciale protezione dalle piaghe, di come sarà glorificato attraverso di noi, e di come anche noi saremo rivestiti nella Gloria da Dio. Conoscendo queste cose, noi possiamo essere più audaci, predicare il vangelo di più, e dare ancora più Gloria a Dio quando verrà il tempo della Tribolazione. Di fatto, noi dobbiamo vivere questa era senza paura nei nostri cuori, né bramosia per le nostre vite terrene. Dio ci insegna tutte queste cose in anticipo, in modo che noi abbiamo coraggio. Noi dobbiamo pertanto avere la fede dell’audacia.
Dio classifica le sette piaghe in due categorie, le prime quattro catastrofi e gli ultimi tre guai, e chiarisce che i secondi saranno molto più orribili e terribili in scala e intensità. Così, Egli annuncia appositamente, quando la quinta piaga è finita: “Il primo ‘guai’ è passato; ecco, vengono ancora due ‘guai’ dopo queste cose.”
Il secondo guai è la piaga della sesta tromba: “diceva al sesto angelo che aveva la tromba: ‘Sciogli i quattro angeli che sono legati sul gran fiume Eufrate’. E furono sciolti i quattro angeli che erano stati preparati per quell’ora, quel giorno, quel mese e quell’anno, per uccidere la terza parte degli uomini.” Nel versetto 16, si dice: “Il numero dei soldati a cavallo era di duecento milioni.” Esso mostra che scoppierà una guerra massiccia, e un terzo di tutta l’umanità sarà ucciso da questa guerra. Dio porterà, in altre parole, una piaga orrenda di guerra a questa terra. 
I versetti 17-18 dicono, “Ed ecco come mi apparvero nella visione i cavalli e quelli che li cavalcavano: avevano delle corazze color di fuoco, di giacinto e di zolfo; i cavalli avevano delle teste simili a quelle dei leoni e dalle loro bocche usciva fuoco, fumo e zolfo. Un terzo degli uomini fu ucciso da questi tre flagelli: dal fuoco, dal fumo e dallo zolfo che usciva dalle bocche dei cavalli.” Dio consentirà che un numero enorme di persone sia effettivamente ucciso dall’esercito imponente dei cavalieri. Questa è la piaga che verrà con il suono della tromba del sesto angelo.
Cosa succederà quando la settima tromba suonerà? Verranno la resurrezione e il rapimento. Fino alla sesta tromba, tutte le piaghe precedenti saranno portate o come disastri naturali o come una guerra che porterà direttamente la morte alle persone. Poiché tutte queste cose sono incluse nelle piaghe delle sette trombe e riportate nella Bibbia, io credo in questa Parola. E voi? Anche voi credete in questa verità?
Avete ricevuto la remissione dei vostri peccati credendo nel vangelo dell’acqua e dello Spirito? Anche se siete inclusi in queste piaghe, per sfuggire dalle sofferenze della piaga eterna e per non entrare mai nell’inferno, dovete credere ora nel vangelo dell’acqua e dello Spirito, che Dio vi diede per far sparire tutti i vostri peccati, per liberarvi dalla Grande Tribolazione, e per darvi il Suo Regno, il Nuovo Cielo e Terra. Dovete avere la fede che crede in questo vangelo. Voi dovete conoscere e credere in questo vangelo. Non c’è altra strada per il Cielo se non mediante la vostra fede in questo vangelo dell’acqua e dello Spirito.
Gesù disse a Pietro, “E io ti darò le chiavi del regno del cielo.” Le chiavi del Regno del Cielo sono date a noi quando crediamo in Gesù Cristo come nostro Salvatore—che Egli venne su questa terra, che prese tutti i peccati dell’umanità e del mondo su di Sé con il Suo battesimo ricevuto da Giovanni Battista al fiume Giordano che portò tutti questi peccati e morì sulla Croce, e che resuscitò dai morti. Noi possiamo entrare nel Cielo ed essere protetti da queste piaghe solo quando abbiamo questa fede—fede che crede che tutti i nostri peccati sono stati cancellati.
Con il suono della settima tromba viene il rapimento, insieme al martirio descritto in Apocalisse 13. Quando emergerà l’Anticristo, affronteremo la nostra giusta morte, martirizzati per il vangelo.
Voi dovete rendervi conto di com’è prezioso e importante questo vangelo che conoscete e in cui credete. Credete in questo vangelo dell’acqua e dello Spirito. Allora sarete in grado di superare gli ultimi tempi con audacia e di abitare nel Regno Millenario e nel Nuovo Cielo e Terra promessi dal Signore. Per adorare il Signore come uno dei 24 anziani che stanno intorno a Gesù Cristo, che è Dio, non c’è altro modo che superare ardentemente la Tribolazione credendo nel vangelo dell’acqua e dello Spirito. 
Io spero e prego che voi tutti, come i santi rinati credendo in questo vangelo con i vostri cuori, supererete gli ultimi tempi ed erediterete il Regno Millenario di Dio e il Suo Cielo eterno.